Cultura e scienze

Quanto pagheremo per i negazionisti del Coronavirus (quelli che è una “normale influenza”)

Cos’hanno in comune Donald Trump, Vittorio Sgarbi, Eleonora Brigliadori, Elon Musk e il senatore Massimo Mallegni? Tutti a vario titolo ritengono che l’epidemia di coronavirus non rappresenti poi questa grande emergenza sanitaria. E sbagliano

trump coronavirus influenza -1

Il coronavirus Covid-19? Poco più che una normale influenza, spiegava qualche giorno fa il Presidente della Lombardia Attilio Fontana. E chissà come spiegherà ai suoi concittadini che ora ha intenzione di fermare tutte le attività produttive ed economiche della regione per una quarantena totale di 15 giorni a causa di una “banale influenza”. Fortunatamente al Pirellone sembrano essersi finalmente resi conto che Covid-19 non è affatto come l’influenza, ma ci sono molti altri che invece pensano che il coronavirus non presenti davvero maggiori rischi dell’influenza stagionale.

Donald Trump che dice che il coronavirus è come l’influenza e quello strano tweet di Elon Musk

È il caso ad esempio del Presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump che un paio di giorni fa su Twitter scriveva che l’influenza uccide tra le 27.000 e le 70.000 persone all’anno e che ciononostante nessuno pensa di chiudere negozi, uffici o fabbriche. «La vita e l’economia continuano. In questo momenti ci sono 546 casi confermati di coronavirus, con 22 decessi. Pensateci!», scriveva il 9 marzo il Presidente USA. Oggi, 11 marzo, i casi di coronavirus negli States sono 1.039, i decessi 29.

trump coronavirus influenza -1

In realtà sappiamo che non è così. Quella da Covid-19 non è un’epidemia di “banale influenza” soprattutto per tre semplici ragioni: non esiste un vaccino, non esiste una cura, la totalità della popolazione mondiale non ha sviluppato anticorpi contro questo nuovo virus e quindi potenzialmente tutti possono ammalarsi.

elon musk coronavirus influenza - 3

Un altro Vip che è stato molto criticato è il fondatore di Tesla Elon Musk che in un tweet del 6 marzo ha scritto «il panico per il coronavirus è idiota» e nulla più. Ora non si capisce se Musk sta dicendo che è da stupidi farsi prendere dal panico per il coronavirus (magari assaltando i supermercati o altre cose) o se sta dicendo che è da idioti preoccuparsi per il coronavirus. La frase in sé è davvero poco chiara e il rischio che venga fraintesa è davvero alto.

elon musk coronavirus influenza - 4

In una successiva reply Musk però sostiene che «le navi con a bordo molte persone e una scarsità di strutture mediche sono un problema serio». Probabilmente sta parlando delle numerose navi da crociera bloccate o messe in quarantena per il coronavirus. E sembra quindi che la prima interpretazione (quella sul fatto che è inutile reagire in maniera irrazionale alle notizie sul coronavirus) sia quella corretta.

elon musk coronavirus influenza - 5

In un altro tweet però Musk scrive che «la capacità di contagio di Covid-19 è sovrastimata» a causa di una eccessiva estrapolazione della crescita esponenziale dei contagi «che non è quello che accade nella realtà». Secondo Musk continuando a fare questo genere di calcoli «il virus supererà la massa dell’universo conosciuto». Quindi sì, per Musk quello che si sta dicendo a proposito dell’epidemia di Covid-19 è esagerato.

I VIP italiani che spiegano che è solo un’influenza

In Italia abbiamo la nostra buona dose di VIP che ritengono di saperla lunga, più di virologi e scienziati.  In un video pubblicato due giorni fa dal titolo “Il virus del buco del culo” Vittorio Sgarbi se la prende con i virologi Burioni e Pregliasco dicendo che «se bevi un tè caldo» il coronavirus «è già morto» e che non serve convincere gli italiani che c’è un pericolo: «io giro ovunque, le uniche zone che mi attraggono sono le zone rosse, io vorrei andare a Codogno, a Vò». Sgarbi non crede a medici, virologi ed esperti «non mi convincono». Anzi lui «non crede al coronavirus, ci deve essere qualcosa dietro che vogliono far passare, ci deve qualche malessere, qualche influenza ma con questo devo cambiare completamente la vita per avere tremila letti in più per mettere uno a cui è venuto il raffreddore?? Non c’è un cazzo!».

eleonora brigliadori coronavirus zona protetta - 3

Eleonora Brigliadori invece ha fatto sapere sempre tramite Facebook che lei non si farà certo fermare dal decreto del Governo che invita gli italiani a evitare tutti gli spostamenti ad eccezione di quelli necessari e urgenti. «Uscirò quando e dove vorrò e incontrerò tutte le persone che devono rincuorare le proprie forze nella libertà soprattutto in questo momento perché hanno chiuso le chiese ma l’anima umana», ha scritto l’ex conduttrice televisiva. La settimana scorsa invece era stato il presidente di Hausbrandt Martino Zanetti a rilanciare una famosa teoria del complotto sul coronavirus dicendo che: «il Coronavirus non esiste, se questa è una pandemia allora ce l’abbiamo tutti gli anni. È una falsità palese costruita dal governo francese per sabotare i progetti di “Via della Seta” fra Pechino e Venezia». Zanetti ha aggiunto anche un consiglio: «come uomo dissento totalmente dai meccanismi di coercizione mascherati da ordini di tutela della salute pubblica e ai miei collaboratori consiglio di viaggiare e muoversi liberamente senza preoccupazioni».

Lo show di oggi invece è gentilmente offerto dal senatore di Forza Italia Massimo Mallegni che in un video ci tiene a far sapere che questa cosa che circola “si chiama influenza” e che non dobbiamo assolutamente preoccuparci: «stamani aereo Pisa-Roma pieno di gente, nessun cavaliere mascherato in giro, d’altra parte qualcuno ha la psicosi nella testa ma evitiamo di essere deficienti, cerchiamo di uscire e di usare il cervello: non siamo noi ad aver contagiato i cinesi ma sono i cinesi che hanno avuto questo problema che si chiama influenza. Quindi evitiamo di essere presi per coglioni, chiaro?». Anche il senatore ci tiene a dispensare consigli: «torniamo a riempire gli autobus, torniamo a riempire i treni, torniamo a riempire gli aerei, mi raccomando, ce la possiamo fare». Ma a fare cosa?

Leggi anche: Tutte le vergognose giravolte di Salvini sul Coronavirus