Opinioni

Le immagini dei Navigli ieri e le distanze dei ponti

Alla fine dello scorso aprile il sito del canale televisivo danese Tv2 ha pubblicato un articolo in cui ha mostrato come sia possibile, usando un teleobiettivo invece di un obiettivo grandangolare, ottenere fotografie che manipolano la realtà sulle persone in strada, facendole sembrare più vicine tra di loro rispetto a quello che realmente sono. Ólafur Steinar Gestsson e Philip Davali hanno mostrato il diverso effetto degli scatti a seconda dell’utilizzo dell’obiettivo:

Nel lunghissimo articolo sono presenti molti confronti tra le immagini scattate con i due diversi obiettivi  e spiegano molto riguardo la possibilità di manipolare le immagini.

Ieri invece Repubblica ha pubblicato un video di Daniele Alberti in cui si vuole dimostrare come a soli quattro giorni dall’inizio della ‘fase 2’ i Navigli di Milano tornano ad affollarsi: “Come documentano le immagini, intorno alle 19 del 7 maggio, erano numerosi i cittadini in Darsena che non indossavano la mascherina e non rispettavano le misure di distanziamento sociale disposte dal governo”.

E c’è chi fa notare che anche le immagini mostrate nel video siano frutto della stessa “illusione” ottica:

navigli ieri foto 1

navigli ieri foto 2

navigli ieri foto 3

Ma soprattutto c’è chi, come @lbianchetti, fa notare che i tre ponti che si vedono molto vicini nel video ai Navigli di Repubblica sono a molte centinaia di metri di distanza.

navigli ieri foto 4

navigli ieri foto 5

Ciò nonostante a noi continua a sembrare che il problema non siano gli obiettivi, ma i tamponi. E i governatori che riaprono il più possibile per far felici le categorie di commercianti e poi si lamentano della troppa gente in giro.

EDIT ore 14,06: Una felice sintesi della situazione è quella di Cecilia Strada:

cecilia strada

Leggi anche: Il problema di Milano non sono i Navigli ma i tamponi