Opinioni

La tragedia della mortalità scolastica

Uno studente su quattro non arriva al diploma. Esattamente il 30,6 per cento degli iscritti ad un istituto di scuola media superiore. E’ il fenomeno della cosiddetta “mortalità scolastica” che non è solo un ricordo della società contadina. Negli ultimi vent’anni sono stati ben 3,5 milioni gli adolescenti italiani che hanno rinunciato agli studi. Circa 151mila soltanto nel 2018. Una realtà ricostruita nei dettagli dal dossier realizzato dalla rivista specializzata Tuttoscuola e anticipato nel nuovo numero del settimanale L’Espresso.

dispersione scolastica 1
La ricerca analizza le presenze e le dinamiche degli studenti di licei, istituti tecnici e professionali dal 1995 ad oggi. Evidenziando, ad esempio, che il problema degli abbandoni è più accentuato in Sardegna e in Campania e che gli istituti professionali sono quelli che perdono più iscritti. C’è anche un risvolto economico, oltre che sociale. Partendo dalla stime Ocse, secondo le quali lo Stato investe sull’istruzione secondaria quasi settemila euro all’anno per studente, Tuttoscuola ha calcolato in ben 55,4 miliardi di euro l’investimento andato in fumo. In media circa tre miliardi di euro all’anno.

 

dispersione scolastica
Infografica da L’Espresso

Leggi sull’argomento: Scuola, il decreto dignità contro la dignità dei docenti