Fatti

Luca Montuori è il nuovo assessore all'urbanistica della Giunta Raggi?

luca montuori

Luca Montuori oggi dovrebbe essere nominato assessore all’urbanistica nella Giunta Raggi, sostituendo così il dimissionario Paolo Berdini. Ex veltroniano, 52 anni, romano, architetto, professore associato di progettazione urbanistica all’Università di Roma Tre, attualmente Montuori è il caposegreteria del vicesindaco Luca Bergamo con un contratto part time a 60mila euro l’anno circa.

Luca Montuori è il nuovo assessore all’urbanistica della Giunta Raggi?

Montuori arriva quindi dall’interno della giunta così come era stato per Andrea Mazzillo, caposegreteria della sindaca prima di essere nominato assessore al bilancio. Nelle scorse settimane si era parlato molto di uno scouting esterno da parte della Raggi per la ricerca della figura che avrebbe dovuto sostituire Berdini: evidentemente anche stavolta, così come nell’occasione dell’assessore al bilancio, non si sono trovate figure esterne pronte a impegnarsi nel ruolo. Montuori arriva per gestire tanti dossier pesanti per la sindaca. Il primo a cui si dovrà dedicare è quello dello Stadio della Roma a Tor di Valle, dove dopo il diniego della sospensione richiesta dai proponenti in Conferenza dei Servizi la A.S. Roma ed Eurnova dovranno presentare a giorni il nuovo progetto su cui verrà effettuata una novazione della delibera Marino-Caudo per confermar il pubblico interesse e forse anche la variante urbanistica connessa, allo scopo di chiudere il dossier entro il 30 marzo e presentarlo il 5 aprile, quando la Conferenza dei Servizi si riunirà per l’ultima volta. Inutile ricordare che ci sono molti motivi ostativi dell’accordo, soprattutto legali. Un altro dossier che finirà presto sul tavolo del nuovo assessore è quello degli ex Mercati Generali dell’Ostiense, dove è in atto da mesi ormai una guerra senza quartiere all’interno del MoVimento 5 Stelle e molti consiglieri municipali sono sul piede di guerra nei confronti del minisindaco dell’VIII Paolo Pace. Anche qui il comune rischia ripercussioni legali anche perché la conferenza dei servizi è già chiusa. In un’intervista rilasciata oggi al Messaggero Montuori ritorna anche sul suo passato di veltroniano: «Sono stato a lungo consulente della giunta Veltroni. È tutto pubblico: ero un tecnico, che scriveva i concorsi. Quella di Veltroni fu una stagione meravigliosa per l’architettura. Ero un consulente dell’unità operativa inferiore del dipartimento urbanistica».

Montuori, laurea alla Sapienza nel ’93 e dottorato a Firenze sui temi del paesaggio contemporaneo, ha fondato nel 2001 lo studio 2tr_architettura, con cui ha partecipato a concorsi internazionali con premi e menzioni. Membro del Comitato Scientifico della Casa dell’Architettura di Roma, ha svolto attività didattica e di ricerca con università e istituzioni italiane e straniere. Nel suo curriculum anche una consulenza per lo svolgimento delle procedure concorsuali della Unità operativa 11 del Dipartimento urbanistica del Comune di Roma. L’annuncio del nuovo assessore, secondo quanto si è appreso, è prevista per domani. La sindaca Raggi terrà sul tema una riunione con i consiglieri.

Il city manager è Franco Giampaoletti

Al neo assessore – che potrebbe essere affiancato da una seconda new entry in giunta (forse una donna) con le deleghe ai Lavori Pubblici – arriverà la ‘pesante’ eredità di Paolo Berdini. Dovrà lavorare non solo alla complessa questione stadio ma anche al piano per gli ex Mercati Generali, alla riqualificazione delle periferie fino all’intricato nodo dei piani di zona. Intanto è già stato nominato il nuovo city manager di Roma Capitale Franco Giampaoletti. Scelto dalla sindaca Raggi, la sua nomina è stata ratificata venerdì scorso dalla giunta capitolina. È stato direttore generale del Comune di Genova, dal settembre 2015 al dicembre scorso, quando è diventato direttore di Unicoop Tirreno per le aree di servizio, dal personale ai sistemi informativi. Giampaoletti, nato ad Ancona, 56 anni, è laureato in giurisprudenza e ha un’esperienza di oltre venti anni nella gestione delle risorse umane in aziende industriali con organizzazione multinazionale. Anche sul suo tavolo il progetto dell’impianto a Tor di Valle sarà tra i primi a fare capolino. Con il suo arrivo si arricchisce la pattuglia di “genovesi”, anche il segretario generale del Campidoglio Pietro Paolo Mileti, aveva ricoperto lo stesso incarico al Comune di Genova.