Politica

Il monologo di Valerio Aprea sul Fantacitorio che dà un senso alle dichiarazioni dei politici | VIDEO

@neXt quotidiano|

valerio aprea fantacitorio

Dopo il Fantasanremo, esplode la mania per il “Fantacitorio”, dal funzionamento simile al gioco messo in atto dai cantanti durante il Festival della canzone italiana: si acquistano politici grazie a una dote di finta valuta, e si accumulano punti in base alle loro dichiarazioni. “Così si spiegano tutte le cazz… a cui ho assistito esterrefatto per anni, ora ogni cosa ha senso”, dice Valerio Aprea nel suo monologo di ieri sera a Propaganda Live su La7 con il quale ha lanciato le regole del gioco, diventato popolarissimo sui social. Dalle sue parole è nato un profilo Twitter che promette di pubblicare tutto il regolamento entro il prossimo venerdì.

Il monologo di Valerio Aprea sul Fantacitorio che dà un senso alle dichiarazioni dei politici

Aprea ha raccontato come ha scoperto dell’esistenza di questo gioco. “Da un po’ di tempo non seguo più la politica, non la capisco più. Le assurde dichiarazioni di un ministro o di un governatore o di un leader di partito mi lasciano esterrefatto, spaesato. Perché ha detto quella cosa? Che senso ha? E quindi quando mi ritrovo in compagnia simulo interesse per l’argomento, ma dentro me c’è solo disagio”. Poi, l’incontro con un’amica, Marisa, che gli spiega i dettagli: “Cioè sul serio tu mi stai dicendo che hai sempre ascoltato le dichiarazioni dei politici senza collegarle al Fantacitorio? Cioè tu hai preso sempre tutto per vero?! Il Fantacitorio è un gioco collettivo sulla politica. Funziona così, tu all’inizio hai una dote con cui puoi comprare politici e tecnici che formeranno la tua squadra”.

La valuta utilizzata non sono gli euro, ma i “Fanfani”. Ognuno ne ha a disposizione 100 per comporre la sua squadra. Il sistema dei punteggi è legato a una tabella di performance. Per esempio, un leader nazionale di un partito sovranista che per risolvere il problema dell’immigrazione propone di affondare le imbarcazioni vale 15 punti. “Sì lo so che non è molto – commenta Marisa – un tempo erano 200, ma ora si è svalutato”. “Poi ci sono altri bonus – aggiunge – per esempio: se la dichiarazione è di un leader donna aggiungi 10 punti, se lo dice a braccio teso altri 30 punti, se donna, madre, cristiana, italiana e lo dice a braccio teso in spagnolo altri 50 punti. Hai capito come funziona?”.