Cultura e scienze

Massimo Bordin e il periodo di pausa da Radio Radicale (per curarsi)

Da quindici giorni gli ascoltatori di Stampa e Regime sono orfani della voce di Massimo Bordin. Il “mistero” è stato spiegato ieri mattina da Roberta Jannuzzi che ha temporaneamente sostituito lo storico conduttore della rassegna stampa radicale

«Massimo Bordin ha chiesto alla Radio un periodo per curarsi cosa che sta facendo nel massimo riserbo per sua esplicita richiesta». Questo l’annuncio dato da Roberta Jannuzzi durante la puntata di ieri di Stampa e Regime, storico programma radiofonico di Radio Radicale condotto dal giornalista del Foglio Massimo Bordin.

Aggiornamento: È morto Massimo Bordin, storico direttore di Radio Radicale

Che fine ha fatto Massimo Bordin?

In molti affezionati ascoltatori si chiedevano da qualche giorno, con una certa preoccupazione, che fine avesse fatto Bordin. L’ultima rassegna stampa tenuta da Bordin ai microfoni di Radio Radicale risale al 2 aprile scorso, data in cui è stata pubblicata sul Foglio l’ultima “Bordin Line”, la rubrica che da anni il giornalista cura per il giornale fondato da Giuliano Ferrara. Dal 1993 al 2010 Bordin è stato direttore di Radio Radicale e di recente era sceso in trincea per difendere l’emittente dalla chiusura.

massimo bordin aspettativa radio radicale malato - 2

Poco si sa a questo momento sulle condizioni di Bordin che lunedì 8 avrebbe dovuto tornare alla conduzione del suo programma dopo una pausa di una settimana. Da due settimane però Bordin non è più ai microfoni di Radio Radicale e forse anche per rispondere alle preoccupate richieste dei melomani bordiniani ieri la Jannuzzi ha deciso di dare agli ascoltatori una breve notizia sulle condizioni di salute del collega. Rispettiamo la richiesta di riserbo da parte di Bordin e ci uniamo a coloro che in queste ore augurano una pronta guarigione e un ritorno ai microfoni di Radio Radicale.

Leggi sull’argomento: Il M5S è piccolo e gli eletti mormorano (su Sara Cunial espulsa)