Economia

Bollette di luce e gas, cosa succede se lasci il mercato libero

bolletta luce

Nel 2019 dovremo scegliere un operatore a tariffa libera per la nostra bolletta di luce e gas. Da qualche tempo però è già possibile passare a una società che opera in regime libero. In molti già hanno fatto questo cambio magari perché invogliati dai generosi bonus proposti dagli operatori a chi decide di fare il salto. Qualcuno, ora che è arrivata la proroga al 2019, sta provando a tornare indietro al mercato tutelato. Il rientro nella maggior tutela non è però così semplice. Spesso ci sono tempi scoraggianti di attesa che superano i due mesi. In più, racconta oggi La Stampa, per alcuni c’è la sorpresa di salati extra-costi da pagare. Cambiare idea e tornare indietro al regime di protezione previsto dallo Stato può costare anche 50 euro.

energia mercato libero sconti
Gli sconti per chi passa al mercato libero (La Stampa, 10 luglio 2017)

E’ quel che rispondono gli operatori di Enel. Per fare il salto all’indietro, e garantirsi per altri due anni bollette della luce calmierate dall’Autority, occorre pagare un bollo di 16 euro, più altri 35 euro di deposito cauzionale. Vuol dire che la prima bolletta arriverà con un sovraccarico di 50 euro. I tempi poi, insistono gli operatori, sono lunghi. Risposta analoga anche dai call-center di A2A che, solo su esplicita richiesta di informazioni su eventuali costi, accennano ai 16 euro del bollo ministeriale.
«Ai consumatori devono essere garantite informazioni più accurate – dice l’avvocato Franco Conte, responsabile energia per Confconsumatori -. Molte volte anche i bonus e gli sconti applicati in bolletta non vengono spiegati a fondo e si trascura di dire che queste riduzioni riguardano soltanto una parte della tariffa, vale a dire quella che riguarda la spesa per l’energia. Le famiglie si aspettano ribassi sull’intera bolletta e invece si ritrovano con riduzioni minime».

Che fare se si vuole provare a cambiare società di luce e gas per provare a risparmiare qualcosa?

Innanzitutto è bene sapere a quanto ammontano i propri consumi annui di luce e gas. Poi occorre verificare bene il prezzo unitario della nostra fornitura energetica e confrontarlo con quello proposto dai vari operatori sul mercato. Un po’ come si fa oggi con le tariffe dei telefonini. Il suggerimento che arriva dalle associazioni di consumatori è poi quello di non fidarsi di quel che viene proposto a voce dai vari «venditori». Quando si decide di passare da un operatore all’altro, bisogna sempre farsi dare il contratto scritto in modo da leggerlo con calma prima di firmare.