Politica

"Lei non vuole uscire dall'Europa, ma solo criticarla per migliorarla". Salvini: "Sì"

Un piccolo incidente diplomatico si è verificato ieri durante il dialogo a DiMartedì tra Luigi Abete e Matteo Salvini. Il dibattito verte sull’euro e sull’Europa e l’ex presidente di Confindustria fa notare che la posizione di Salvini sulla moneta unica fa paura a industriali e imprenditori. “Io vorrei che sull’Europa la Lega dicesse se stare dentro o se fare facile populismo”, dice Abete. “Io ritengo che sull’Europa ci sia da rivedere tutto, i trattati ma anche la moneta, io sono europeo ma si può ridiscutere”, risponde Salvini. E ancora: “Io non voglio andarmene”, aggiunge il leader della Lega: “Io non minaccio di uscire”. A quel punto Abete coglie la palla al balzo e nel finale del collegamento gli chiede: “Possiamo quindi dire che lei non vuole uscire dall’Europa, ma vuole solo criticarla per migliorarla. Possiamo dire che questa è una sintesi?”. “Sì, risponde Salvini prima della pubblicità nel finale del video.

Apriti cielo. La risposta la sentono tutti, e i molti fan “no-euro” di Salvini si innervosiscono assai, mentre c’è chi nota che la risposta “moderata” può essere un riposizionamento per la leadership del centrodestra:


A quel punto, ampiamente sollecitato su Twitter, deve intervenire su Twitter Claudio Borghi, responsabile economico della Lega ed ex candidato in Toscana, per spiegare il senso delle parole di Salvini:
salvini abete euro 2
E dopo qualche minuto compare anche questo post di spiegazioni sulla pagina di Salvini:
salvini abete euro 3