Fatti

L'Aifa è costretta a spiegare che l'autorizzazione ai vaccini anti-Covid non è decaduta

neXt quotidiano|

Autorizzazione vaccini green pass

Filosofeggiano sui social, senza essere a conoscenza di quel che realmente è stato deciso dalle autorità competenti. Le fake news si basano proprio su questo principio, fatto di sillogismi illogici che non hanno alcun riscontro con la realtà. L’ultima bufala messa in circolo su diverse piattaforme e che riguarda la campagna di immunizzazione sostiene che, con il via libera ai trattamenti con anticorpi monoclonali, l’Aifa avrebbe fatto decadere l’autorizzazione alla somministrazione dei vaccini anti-Covid. E l’Agenzia Italiana del Farmaco è stata costretta a intervenire per smentire questa ennesima bufala.

Autorizzazione vaccini decaduta, l’Aifa smentisce la bufala social

Questo è solo uno degli esempi (tutti copia e incolla) di “sillogismo” (ci perdoni Aristotele per l’abuso di questo concetto) che stanno circolando sui social. Secondo i pensatori in rete, infatti, il via libera dato dall’Aifa al trattamento dei malati Covid-19 con anticorpi monoclonali farebbe decadere l’autorizzazione vaccini. Nulla di più falso.

A spiegare bene la situazione ci ha pensato la stessa Agenzia Italiana del Farmaco che oggi ha pubblicato sul proprio sito ufficiale una nota con la smentita: “Aifa smentisce con forza la notizia totalmente falsa secondo la quale, a seguito dell’autorizzazione da parte dell’Agenzia all’utilizzo di alcuni anticorpi monoclonali anti COVID-19, sarebbe venuta meno l’autorizzazione all’immissione in commercio dei vaccini COVID rilasciata dall’EMA. Tale notizia, che sta circolando su alcuni siti internet e sui social network, è del tutto priva di fondamento: l’autorizzazione di alcune indicazioni terapeutiche di anticorpi monoclonali da parte dell’AIFA, infatti, non ha alcuna correlazione con le autorizzazioni dei vaccini anti COVID-19, che restano perfettamente valide”.

Insomma, quel facile sillogismo no vax è stato smentito con poche righe di comunicato. E non finisce qui: l’Agenzia Italiana del Farmaco, infatti, ha deciso di sporgere denuncia alle autorità competenti contro chi si è reso protagonista della diffusione di questa fake news che mira solamente a screditare la campagna di immunizzazione nel nostro Paese.

(foto ipp clemente marmorino)