Politica

La storia di Teresa Bellanova che abbandona il quadro regalato dalla mamma di un ragazzo morto

Due mesi fa la ministra delle politiche agricole ha incontrato un gruppo di donne che vive nei dintorni dell’ILVA: una di loro ha perso un figlio quindicenne, Giorgio Di Porzio, per un sarcoma. Poi ha lasciato sul palco di una manifestazione il quadro che le avevano donato. Oggi si è scusata

teresa bellanova quadro mamme diossina

Il 12 novembre a TgZero su Radiocapital è stato raccontato un episodio con protagonista Teresa Bellanova: due mesi fa la ministra delle politiche agricole ha incontrato un gruppo di donne che vive nei dintorni dell’ILVA, una di loro ha perso un figlio quindicenne, Giorgio Di Porzio, per un sarcoma.

La storia di Teresa Bellanova che abbandona il quadro donato dalle mamme di Taranto

La Bellanova ha ricevuto nell’occasione in dono un quadro in cui è raffigurato un teschio con la scritta “Mamme no diossina”, realizzato con la polvere del materiale che si deposita nel quartiere di Tamburi. Il quadro è poi stato ritrovato sul palco della manifestazione a cui la Bellanova presenziava. Ieri la ministra si è scusata con un messaggio su Facebook per l’accaduto: “Sono pronta a tornare a Taranto ad ascoltare le ragioni di chi lì vive – scrive il ministro – come ho fatto quella sera e tantissime altre volte in questi anni”.

teresa bellanova quadro mamme diossina 1

“È vero – prosegue Bellanova – nella baraonda emotiva di quella sera, perché di baraonda bisogna parlare quando da madre a madre sei costretta a discutere sulla morte di un figlio, il quadro che vedete nella foto è rimasto per errore sul palco. E di questo me ne dispiaccio”. “Ma vi chiedo – aggiunge – anche di non dare giudizi affrettati su questa vicenda, perché io di quella città me ne sono occupata da sempre, come sanno bene i tarantini”. “E perché – conclude il ministro – non mi sono mai risparmiata per risolvere quell’intricata vicenda chiamata Ilva, cercando di coniugare ambiente, salute ed occupazione”.

Leggi anche: MOSE: cos’è il Modulo Sperimentale Elettromeccanico per fermare l’acqua alta a Venezia