Tecnologia

La signora che si scopre fan di Matteo Salvini…a sua insaputa

libro salvini giannini altaforte - 4

Repubblica Bologna racconta oggi una curiosissima storia che riguarda Facebook e Matteo Salvini. Eleonora Cappelli e Valerio Varesi dicono che una donna si è ritrovata a sua insaputa come fan del Capitano:

Ci sono anche decine di segnalazioni di bolognesi che si sono ritrovati improvvisamente “arruolati” tra i sostenitori di Matteo Salvini, almeno su Facebook. La signora Carla è arrivata a presentare denuncia alla polizia postale qualche giorno fa. La sua storia, insieme a quella di altri, è stata sollevata anche dalla rivista on-line Carmilla.

«I miei amici di Facebook a un certo punto hanno cominciato a vedere la segnalazione: “A Carla piace Matteo Salvini” — spiega l’interessata — ma io non ho mai messo nessun segno di approvazione a Matteo Salvini. Alla fine mi hanno telefonato per avvisarmi persone che mi conoscono e che sanno perfettamente che non poteva essere vero».

cristian lanzi

Insomma, mentre un operaio viene licenziato perché durante il periodo di malattia va al comizio di Salvini, c’è chi si scopre comiziante a sua insaputa:

La stessa dinamica ha riguardato decine di persone, che l’hanno segnalata in diverse sedi: al sindacato, nelle sedi dei partiti, ai giornali. Adesso dovrà occuparsene la polizia postale, ma c’è un meccanismo di Facebook che riguarda le pubblicità commerciali. Anche solo se un utente condivide o commenta un contenuto sponsorizzato, cioè pubblicato a pagamento, i suoi amici lo vengono a sapere. E lo vengono a sapere con la formula “al tuo amico piace”.

È evidente che applicato alla politica un simile sistema ha un effetto distorsivo: anche chi condivide un video, magari per criticarlo, viene “arruolato” tra coloro a cui piace. Tradotto in italiano, quel “mi piace” ha il significato di un sostegno politico che, oltre ad essere un dato sensibile, è comunque tutt’altro che automatico.

Leggi anche: E Salvini inventa le minacce a un ristorante per un suo pranzo