Opinioni

La bufala delle 500mila schede con il voto PD trovate in Sicilia

Da ieri circola una bufala che riguarda 500mila schede precompilate trovate con il simbolo del PD in Sicilia. A scriverne è un sito internet che si chiama llFatto.it, che nulla c’entra con il quotidiano di Travaglio, aggregato da una pagina Facebook che si chiama La voce del Popolo: le condivisioni dirette sono arrivate sulla pagina a 2300.

500mila schede sicilia simbolo pd

llFatto.it è intestato a nome di Giovanni Fornaro e utilizza le stesse formule di altri siti di fake news: altri articoli raccontano di un barbecue a base di cane dei soliti profughi nel centro d’accoglienza e così via. Anche il sito Sky24Ore, che non ha nulla a che vedere con Sky News e pubblica spesso fake news, è intestato alla stessa persona.

giovanni fornaro 500mila schede pd

La “notizia” sostiene che ieri siano state ritrovate 500mila schede elettorali per le elezioni politiche: un plico nei pressi di via Europa a Palermo (ma a Palermo via Europa non esiste) e un altro plico nei pressi del liceo Maurolico a Messina, che invece esiste. Ma che 250mila schede riescano ad entrare in due plichi è un vero miracolo della natura. “Di certo c’è che da quelle parti non si fa mistero su chi sia il partito che i poteri forti vogliono al governo”, scrive ancora l’articolo.

Nessun giornale siciliano però riporta nulla della notizia e colpisce che un residente a Livorno come il signor Fornaro abbia sentito un fantomatico “Marcello” di Palermo. Senza contare che non si fanno nomi di magistrati che “si incaricheranno” (da soli?) delle indagini. Tra l’altro, l’utilizzo del bollino antifrode rende impossibile effettuare questo tipo di truffe.

EDIT: Anche il deputato (sigh) bolognese del MoVimento 5 Stelle Matteo Dall’Osso ha ritwittato la bufala e contribuisce a farla circolare:

500mila schede sicilia simbolo pd bufala

EDIT2: Dopo qualche ora Dall’Osso si accorge della bufala e cerca di far passare la sua attività su Twitter come un lavoro allo scopo di giustificarsi. Che tristezza.

matteo dall'osso

Leggi sull’argomento: Il grande complotto del bollino antifrode sulla scheda elettorale