Sport

L’incidente tra Zarco e Morbidelli al MotoGP dell’Austria

Il francese della Ducati allarga la traiettoria e va in contatto con il pilota della Yamaha Petronas. Spaventosa la dinamica con la moto di Zarco che dopo il contatto diventa un proiettile impazzito che taglia la pista alla curva 3, sfiorando Maverick Vinales e Valentino Rossi

moto gp austria morbidelli zarco

Un pauroso incidente al giro ottavo del GP d’Austria sul Red Bull Racing ha visto coinvolti il pilota italiano della Yamaha Franco Morbidelli e la Ducati di Zarco, con la moto dell’italiano volata in pista attraverso le traiettorie di altri piloti. Morbidelli aveva lasciato in barella la pista, ma poi è uscito dal centro medico camminando

All’ottavo giro Zarco con la sua Ducati è andato lungo in curva e ha travolto Morbidelli in sella alla Yamaha. Le moto sono volate e hanno attraversato come proiettili la pista. Una ha sfiorato Valentino Rossi che passava in quel momento e ha seriamente rischiato di venire travolto. Zarco si èsubito rialzato mentre Morbidelli è rimasto in terra ma si è rialzato poco dopo ed e’ stato trasportato in ambulanza al Centro medico. Non avrebbe comunque riportato ferite. Dopo una lunga sosta il gran premio è ripartito con Espargaro in testa.

Il francese della Ducati allarga la traiettoria e va in contatto con il pilota della Yamaha Petronas. Spaventosa la dinamica con la moto di Zarco che dopo il contatto diventa un proiettile impazzito che taglia la pista alla curva 3, sfiorando Maverick Vinales e Valentino Rossi. Morbidelli è stato portato al centro medico del circuito ma per fortuna è salito con le sue gambe sull’ambulanza.

Morbidelli non avrebbe riportato nessuna frattura nell’incidente che lo ha coinvolto al Gian Premio d’Austria del Moto gp. Il pilota della Yamaha è stato sottoposto a Tac e risulterebbero solo contusioni a un fianco, mano e testa. Proprio per questo, hanno spiegato i sanitari a Sky, Morbidelli resterà probabilmente in osservazione per 24 ore in ospedale.

Leggi anche: Zangrillo, Lopalco e il contagiato che non va confuso con il malato