La macchina del funky

«Incappucciati ed ex 5 Stelle salveranno Renzi»

grillini civati

Vincenzo D’Anna, senatore del Gruppo Autonomie e Libertà al Senato, ne è convinto: a salvare Matteo Renzi in Senato saranno Denis Verdini e transfughi del MoVimento 5 Stelle. Il senatore, vicino a Fitto e Cosentino, è considerato uno del gruppo d’assalto di Forza Italia e contesta la leadership di Berlusconi. In questa intervista a Fabrizio Roncone del Corriere della Sera tira fuori i nomi dei nuovi Responsabili:

«Prima di farle l’elenco, una premessa: tutti i senatori che ora le indicherò, più o meno, hanno in animo di aiutare Renzi nelle varie votazioni. Ma non solo: io credo che la maggior parte di loro stia ragionando sulla possibilità, assai concreta, di creare un grande gruppo autonomo. Da lì, poi, quando le acque si saranno placate, in parecchi finiranno dentro il Pd».
Capito. Adesso, l’elenco.
«Iniziamo da Ncd, che già è con la maggioranza: lì i capibastone più fedeli a Renzi sono Antonio Gentile e Guido Viceconte. A loro, aggiungiamo poi un po’ di senatori calabresi e praticamente tutti i siciliani. Questa è una pattuglia d’acciaio, indipendentemente da ciò che decide o deciderà Alfano».
Continui.
«I grillini fuorisciuti dal Movimento 5 Stelle… quanti sono? Mi sembra 17, no? Beh, quelli li conteggi pure tutti, e parecchi se li immagini già con la maglietta del Pd».
Dentro Forza Italia?
«Lì, almeno in cinque o seisono pronti a tradire».
Può dirci chi sono?
«Guardi, le giuro: non mi ricordo come si chiamano, ma se prende gli elenchi e guarda, li individua facilmente… consider iche sono toscani, tutti incappucciati amici di Verdini».
Incapucciati…
«Eh, e che ho detto? Incappucciati amici di Verdini».
Poi ci siete voi di Gal.
«Qui la scena è variegata. Per dire: ci sono l’ex leghista Michelino Davico e l’ex ncd Antonio Caridi… i renziani li considerano cosa loro. Mentre più scivolosa è la situazione di altri quattro: Mario Ferrara e Giovanni Mauro, che fanno riferimento a Gianfranco Micciché, e Antonio Scavone e Giuseppe Compagnone, che invece sono nella scuderia di Raffaele Lombardo…».

senatore vincenzo d'anna