Fatti

I problemi di democrazia nel M5S tra Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige

m5s friuli venezia giulia trentino alto adige

La vittoria unisce? Non sempre, soprattutto se è la più classica delle vittorie dimezzate come quella conseguita dal MoVimento 5 Stelle alle politiche del 4 marzo scorso. Anche perché nonostante le recenti uscite di Davide Casaleggio sulle magnifiche sorti e progressive della democrazia diretta nel M5S le cose si fanno ancora alla vecchia maniera. Quella per intenderci che portò all’esclusione di Marika Cassimatis dopo le comunarie di Genova dello scorso anno.

L’esclusione antidemocratica di Fabrizio Luches dalle Regionarie in FVG

In Friuli Venezia Giulia, dove è già iniziata la campagna per le Regionali, non si è arrivati ad un nuovo caso Cassimatis solo perché gli attivisti di Rousseau non hanno dovuto votare per il Presidente. Contrariamente infatti a quanto annunciato sul Blog del M5S il 5 marzo, il 6 marzo gli iscritti certificati hanno trovato una sola votazione attiva: quella per la scelta dei candidati al Consiglio Regionale. Il voto per il candidato Presidente invece non è stato celebrato. Il motivo? C’era un solo candidato ovvero Alessandro Fraleoni Morgera, 48 anni ricercatore a tempo determinato all’Università di Trieste e tesserato ad Alleanza nazionale nel 2009. Qualcuno su Rousseau ha eliminato all’ultimo momento lo sfidante, l’avvocato Fabrizio Luches.

fabrizio luches m5s friuli candidatura - 4

Come al solito le ragioni dell’esclusione di Luches non sono chiare. Molti in Friuli si sono stupiti dell’estromissione improvvisa di Luches dalla corsa (che ha comportato la blindatura per Fraleoni Morgera che si dice sia stato scelto direttamente da Di Maio). L’avvocato Luches, scrivono in molti, è un professionista stimato, un volto noto ed apprezzato a livello dei MeetUp, tant’è che a differenza del candidato Presidente la sua proposta di candidatura era stata appoggiata da sei MeetUp. Insomma: Luches godeva di un discreto appoggio nel territorio.

fabrizio luches m5s friuli candidatura - 2

 

 

In un post del 20 marzo Luches spiega ad una commentatrice che la sua esclusione è stata motivata con una violazione del Regolamento. La violazione contestata è che Luches è quella di essere un funzionario dipendente della Regione assegnato al Gruppo consiliare del M5S. Prima di candidarsi avrebbe dovuto dimettersi. Peccato però che nel regolamento per le Regionali non ci sia quella clausola che invece era prevista per le Parlamentarie. Scrive Luches: «Come potrà notare dal “Regolamento” delle regionali (anche se per un giurista definire dello scritto un regolamento è una forzatura, mi creda) la regola che mi è stata contestata non c’è. Era infatti contenuta nel regolamento delle parlamentari e comunque non ho mai avuto rapporti di lavoro con il Gruppo consiliare, essendo funzionario dipendente della Regione, assegnato alla Segreteria del Gruppo».

I MeetUp e i portavoce che criticano i metodi del MoVimento 5 Stelle

Come conseguenza della decisione di escludere Luches dalla competizione online diversi MeetUp hanno pubblicato comunicati dove rilevano la forzatura “antidemocratica” operata da parte dello Staff Nazionale, del Capo Politico e soprattutto di “referenti territoriali mai ufficializzati”. Il MeetUp annuncia di non voler partecipare alla campagna elettorale a sostegno del M5S e di voler sostenere altre iniziative elettorali regionali.

fabrizio luches m5s friuli candidatura - 1

Il consigliere comunale di Tolmezzo (UD) Matteo Muser ha annunciato la sua autosospensione dal MoVimento aggiungendo che – qualora l’esclusione non sia frutto di un “errore dei sistemi informatici” (sic.) – la sospensione diventerà una dimissione dal MoVimento 5 Stelle.

fabrizio luches m5s friuli candidatura - 5

Anche Elisabetta Maccarini, consigliera comunale pentastellata a Monfalcone, non si capacita della decisione di escludere Luches e quindi di lasciare la strada aperta a Fraleoni Morgera. Anche la Maccarini spera – come è già accaduto durante le Parlamentarie – in un improbabile errore informatico.

fabrizio luches m5s friuli candidatura - 6

Lo Staff a quanto pare non ha risposto alle lamentele e alle segnalazioni degli utenti né ha fornito una spiegazione per la decisione di escludere Luches a poche ore dall’apertura dei seggi virtuali su Rousseau. Tanto più ricordano diversi attivisti che il candidato Presidente alle scorse amministrative a Trieste ha conquistato la bellezza di cinque voti.

Le critiche a Riccardo Fraccaro e Luigi Di Maio in Trentino

E è solo il Friuli Venezia Giulia la spina nel fianco del MoVimento 5 Stelle a livello locale. Anche in un’altra Regione dove il risultato delle politiche del 4 marzo è stato decisamente sotto le aspettative. In Trentino, feudo di Riccardo Fraccaro, MeetUp e consiglieri comunali sono in subbuglio. C’è chi ha scritto lettere a Di Maio per lamentarsi della scelta delle candidature e delle “gravi irregolarità” registrate durante lo svolgimento delle Parlamentarie.

m5s trentino politiche 2018 critiche - 1

Altri come il consigliere comunale di Rovereto Paolo Vergnano hanno annunciato la propria “autosospensione” (misura che si rende necessaria anche perché non risulta al momento possibile uscire autonomamente dal M5S). Anche altri due consiglieri in Basso Sarca si sono autosospesi in polemica con le candidature a pochi giorni dal voto. Nel mirino c’è Fraccaro, che alcuni considerano “intoccabile” e quindi non soggetto a critiche ma non solo. Anche la decisione di fondare una nuova associazione nella quale sono stati fatti transitare “a forza” gli iscritti dell’Associazione MoVimento 5 Stelle ha creato più di qualche mal di pancia. Vergnano ha dichiarato di guardare “con estrema vicinanza e partecipazione” all’iniziativa dei 33 pentastellati che hanno trascinato Grillo e Di Maio in tribunale.