Politica

I nuovi voti dei grillini

Dopo una discesa durata un anno dal picco del 2013, il MoVimento 5 Stelle torna a guadagnare voti. In tutti i sondaggi l’incremento percentuale dei grillini è interessante e palpabile, e l’ultima prova è il sondaggio di Nicola Piepoli per l’ANSA che li accredita addirittura al 29% e come primo partito in caso di alleanza del PD con il Nuovo Centro Destra di Angelino Alfano. Con questi numeri M5S ha le carte in regola per arrivare al ballottaggio con l’Italicum, dove, come dice oggi Massimo D’Alema nell’intervista ad Aldo Cazzullo, i leghisti di certo non voteranno per Renzi. Emanuele Buzzi riepiloga oggi sul Corriere della Sera quali categorie sociali sono attualmente attratte dal voto per Grillo e perché:

L’identikit degli elettori attratti dai Cinque Stelle è — secondo l’ex capogruppo Lombardi — quello di «persone che prima avevano diffidenza, ma anche delle varie associazioni che si sono sentite prese in giro dai politici per anni». Lezzi individua un avvicinamento nel popolo delle «piccole e medie imprese, degli artigiani e dei professionisti». «Adesso non ci percepiscono più come l’antipolitica — chiosa Ruocco — : il corpo estraneo sono gli altri». Per la deputata, che fa parte del direttorio del Movimento, «non solo la parte più fragile delle pmi, ma anche la borghesia e il mondo della scuola tradito dalle defaillance del governo» stanno guardando come alternativa ai Cinque Stelle. Ma l’apertura verso un nuovo elettorato — afferma Ruocco — non riguarda solo i vertici e gli aletti: «Anche la base sta parlando con un’altra fetta di Italia. Il processo di maturazione è a tanti livelli».
Di sicuro deputati e senatori si stanno confrontando — con esiti e soluzioni non sempre distensive — con nuove realtà e con platee diverse dalle tradizionali. Dopo la presenza di Mattia Fantinati al Meeting di Rimini, ora i parlamentari del Movimento fanno il loro esordio al Forum Ambrosetti Cernobbio. «Ci andrò perché è giusto dare voce al 25% degli italiani che ci hanno votato e che, direttamente o indirettamente, devono interagire con quella parte di società ben rappresentata al Forum». «Porterò i nostri temi — prosegue la senatrice —: il reddito di cittadinanza, l’idea di un welfare moderno, ma anche un nuovo modo di affrontare i temi dell’evasione fiscale. Solo l’1,7% dei controlli riguarda grandi imprese e banche». E non solo: «Presenterò la nostra idea di spending review, quella presentata dal governo non può essere sostenuta».

i nuovi voti grillini
I sondaggi sul MoVimento 5 Stelle (Corriere della Sera, 3 settembre 2015)