Opinioni

I grillini che intimano a Roberto Fico di non fare la Boldrini

Un paio di giorni fa Roberto Fico ha annunciato su Facebook di aver incontrato una delegazione di Medici Senza Frontiere per parlare della gestione dei flussi migratori e dell’impegno dell’Organizzazione Non Governativa nelle zone di conflitto e nel soccorso in mare.

Organizzazioni come Medici senza frontiere svolgono un lavoro prezioso in contesti difficili prestando assistenza e supporto umano a popolazioni vittime di guerre, catastrofi naturali, epidemie. Un lavoro nelle situazioni più critiche e di rischio per la vita che deve essere oggetto di attenzione, ma anche di sostegno ideale e umano da parte delle istituzioni italiane ed europee. Perché i principi di cooperazione e di solidarietà sono capisaldi di una società democratica.

roberto fico

Il post di Fico però non sembra aver registrato particolari entusiasmi tra i fans della sua pagina, anzi: in pochissimo tempo si è riempito di commenti di gente che ha intimato al presidente della Camera di non fare la Boldrini…

roberto fico 1

In un tripudio di miccette (cit.) i grillini, che notoriamente sono di sinistrAHAHAHAH, hanno spiegato a Fico che deve rispettare il contratto di governo altrimenti è sleale e ha fatto un accordo con Salvini solo per la poltrona. C’è chi lo ha accusato di essere un voltagabbana e gli hanno intimato di farsi gli affari suoi:

roberto fico 2

Insieme ai commenti critici ogni tanto è comparsa qualche frase di incoraggiamento nei confronti del presidente della Camera. Ma la maggioranza schiacciante dei commentatori la pensa diversamente: “Non continui a fare buonismo sulle spalle di un popolo alla fame, bastava il PD per quello, è ora di cambiare strategia”.

roberto fico 3

E infatti c’è chi nel post già paventa il rischio di avere lo stesso trattamento della Boldrini, cosa che in effetti sembra che stia già accadendo come i casi delle mani in tasca e del pugno chiuso hanno già dimostrato. Fico è infatti già entrato nella spirale d’odio immotivato già riservata alla presidente della Camera, ma con una differenza fondamentale: al contrario della Boldrini lui sta in un partito che l’accordo con la Lega lo ha fatto e lo rivendica. E quindi tutto questo, come minimo, se lo merita.

Leggi sull’argomento: Antonio Guglielmi: la pietra dello scandalo noeuro sul governo Lega-M5S