Politica

I diciotto parlamentari M5S contro Grillo e Casaleggio

Diciotto sono i parlamentari che attualmente non rendicontano insieme a Paola Pinna e Massimo Artini, che ieri sono stati espulsi con la votazione sommaria. E tra ieri sera e stamattina tutti hanno cominciato a prendere posizione sull’espulsione. Cristian Iannuzzi, onorevole e vegano della prima ora, ha chiesto di sospendere l’espulsione di Artini e Pinna fino alla prossima assemblea congiunta del MoVimento 5 Stelle.
cristian iannuzzi
 
Paolo Bernini, che era diventato famoso per il famoso servizio di Ballarò dove parlava dei chip sottocutanei, è tra quelli che non rendicontano sul sito apposito e su Facebook critica apertamente le decisioni di Grillo e Casaleggio:
paolo bernini movimento 5 stelle
 
Federica Daga, che ha accompagnato Artini al colloquio con Grillo di ieri notte, sulla sua pagina Facebook è silente, ma a chi le chiede della rendicontazione risponde: «Caro Filippo Tacchini La rimando al blog Federicadaga.blogspot.com sezione Rendiconto, troverà i file relativi alla rendicontazione da aprile a settembre. Ottobre l’ho già bonificato, devo solo fare il file di riepilogo. I file sono in mano al capogruppo Cecconi e all’assistenza di tirendiconto, per essere caricati. Sto ancora aspettando la risoluzione del problema. La piattaforma tirendiconto presenta un errore nei conteggi da aprile, se è sbagliato un mese lo sono anche i successivi. Essendo mio DIRITTO rendicontare, ho dovuto fare così». Marco Baldassarre invece su Facebook si era apertamente schierato anche ieri: «Massimo non esce. Il demente che ha scritto questo post, e posso immaginare chi è, non si ricorda che sul codice di comportamento c’è scritto che le richieste di espulsione vanno PRIMA ratificate dall’assemblea. Poi non è neanche arrivata l’email che avvisa che sul blog è in corso un sondaggio o una votazione, di solito arriva tutte le volte. Avete deciso di distruggere il M5S? Lo state decidendo VOI». Sebastiano Barbanti ha invece condiviso lo status di Artini:
sebastiano barbanti
Eleonora Bechis, già nei guai per una questione di querele, si limita a far sapere che il 7 dicembre parteciperà all’iniziativa di Pizzarotti. Anche Silvia Benedetti si limita a solidarizzare con Artini. Francesco Cariello, che fa parte della lista di quelli in ritardo con la rendicontazione, invece tace, così come Marta Grande. Mara Mucci invece su Twitter è scatenata:


E la stessa cosa vale per Gessica Rostellato su Facebook: «chi ha scritto questo post, “non si ricorda”, che sul codice di comportamento c’è scritto che le richieste di espulsione vanno PRIMA discusse e ratificate dall’assemblea e ciò non è avvenuto. Avete deciso di distruggere il M5S?…..Ditelo!…». Samuele Segoni ha invece rilasciato un’intervista al Corriere della Sera attaccando Grillo: ««Beppe ci ha detto che il movimento va bene così,portando come prova i contatti avuti sul sito. Io ho cercato di fargli capire che il successo di un progetto politico non si misura dai clic su Internet». Di Patrizia Terzoni abbiamo parlato ieri:
patrizia terzoni
Infine, anche Tancredi Turco ha manifestato solidarietà a Pinna e Artini su Facebook. Aris Prodani, Walter Rizzetto e Girolamo Pisano. sono gli ultimi a comparire in ritardo nella lista di rendicontazione, mentre Tatiana Basilio (quella del “documentario” sulle sirene), che è in regola, ha però manifestato solidarietà ad Artini su Facebook.