Opinioni

I bagarini dei Nutella Biscuits a Napoli

Il Mattino racconta oggi una storia curiosa che riguarda i Nutella Biscuits della Ferrero a Napoli: in tre settimane, in tutto il Paese, di sacchetti, ne sono stati venduti due milioni e seicentomila. E il fatturato del biscotto alla Nutella (in media 3 euro alla confezione) è già arrivato a 8 milioni di euro. Vanno letteralmente a ruba, sono introvabili da Milano a Palermo, ma soprattutto a Napoli dove sta nascendo il fenomeno dei bagarini:

Non se ne trova uno nemmeno sugli scaffali dei grandi supermercati: niente da fare a Chiaia e pure al Vomero e all’Arenella, appena arrivano, i biscotti Nutella, spariscono nel giro di pochi minuti. Un fenomeno che anche alla Ferrero – non avevano previsto raggiungesse tali dimensioni. E se il prodotto è introvabile, ecco che, qui a Napoli, c’è già chi ha provveduto a organizzare un piccolo business.

Basta solo avere la pazienza di presidiare un supermercato, magari anche in provincia, aspettare il nuovo carico Ferrero, e acquistare il maggior numero di confezioni possibile. E poi: vuoi i biscotti alla Nutella? Li paghi il doppio, ma anche il triplo, altrimenti niente da fare.

napoli bagarini biscotti nutella

A Mergellina c’è chi vende una confezione a otto euro, mentre al Vasto, in bella mostra sugli scaffali di un minimarket, ne costava sei, giusto il doppio. D’altronde – dice il titolare di una salumeria nella zona della Torretta – è la legge del mercato: meno ce n’è, più il prezzo sale. E guai a parlare di speculazione: «Quei biscotti – aggiunge sempre lo stesso commerciante – sono uno sfizio, se te lo vuoi togliere subito paghi di più, altrimenti fai passare tutta questa euforia e poi li trovi dove vuoi».

L’azienda precisa che dietro la penuria del prodotto non c’è nessuna strategia di marketing ma soltanto una domanda eccessiva rispetto all’offerta. Su Amazon una scatola è venduta a 12 euro, quattro volte il prezzo consigliato. “Nutella Biscuits”: – recita l’annuncio – 22 pezzi per pacchetto, e pacchetto intelligente con la zip nel caso, molto remoto, non si riuscisse a mangiarli tutti in un colpo solo.

Leggi anche: La misura cautelare per Anastasia Kylemnyk indagata per droga