Politica

Come i senatori di Forza Italia possono salvare il governo Lega-M5S

sondaggi lega m5s forza italia pd

Siccome uno vale uno al Senato il MoVimento 5 Stelle si trova nel classico dilemma del prigioniero: l’altroieri tre senatrici (Paola Nugnes, Elena Fattori, Virginia La Mura) hanno votato no al Salva-Salvini sulla Diciotti nonostante le indicazioni di voto su Rousseau e i grillini avevano minacciato espulsioni in caso di disobbedienza. Ma senza quei tre voti la maggioranza che regge il governo Conte al Senato rischia di stare in piedi per un solo voto.

Questo perché il M5S ha perso alcuni parlamentari prima di cominciare: Maurizio Buccarella e Carlo Martelli al Senato e Andrea Cecconi e Silvia Benedetti alla Camera per Rimborsopoli. Fuori in corsa anche Salvatore Caiata (Camera), per non aver comunicato di essere indagato per riciclaggio, Catello Vitiello (massone non dichiarato) e Antonio Tasso, che taroccava cd. Espulsi a legislatura iniziata,invece,Gregorio De Falco e Saverio De Bonis, per non aver votato il decreto Sicurezza. E ora rischiano Elena Fattori, Paola Nugnes e Virginia La Mura, che hanno votato sì al processo a Salvini.

governo numeri senato
I numeri al Senato (Corriere della Sera, 22 marzo 2019)

Per salvare il salvabile ci sono due alternative: far entrare Fratelli d’Italia in maggioranza oppure far transitare molti dei senatori di Forza Italia che hanno deciso di lasciare Berlusconi per Salvini. In caso di un minirimpasto, con qualche ministro di peso, FdI potrebbe decidere di salire a bordo della maggioranza, fa sapere il Corriere. Ma la soluzione più semplice è prendersi gli ex di Berlusconi.

Leggi anche: Il numero di Riccardo Fraccaro a Otto e Mezzo: non sa che Dessì è senatore M5S