Politica

Uno vale uno: se il M5S caccia i dissidenti il governo è a rischio

paola nugnes accordo lega m5s - 2

Uno vale uno. E quindi un voto vale un voto. Il conto alla rovescia nel MoVimento 5 Stelle è iniziato: il voto sulla Diciotti ha certificato che ci sono almeno tre dissidenti nel MoVimento 5 Stelle: Paola Nugnes, Elena Fattori e Virginia La Mura hanno votato contro il Salva-Salvini nonostante l’indicazione di voto arrivata da Rousseau. Sette erano i grillini assenti in missione e tra questi c’era Matteo Mantero, che aveva però messo a verbale da mesi il suo dissenso sul provvedimento.

Se il MoVimento 5 Stelle sarà coerente con quanto ha sempre affermato a proposito dei voti in dissenso e del vincolo di mandato, adesso deve cacciare Nugnes, Fattori e La Mura. Ma se il M5S caccia le tre senatrici il governo si ritrova con un solo voto in più al Senato. Perché finora, tolti i voti che arrivano periodicamente dal gruppo misto e tolti quelli di Forza Italia e Fratelli d’Italia che hanno salvato Salvini per ragioni di realpolitik (non potevano permettersi di votargli contro su una vicenda così sentita dal popolo del centrodestra) erano quattro.

maggioranza senato governo conte

E quattro meno tre fa uno. Uno che vale uno, ma che potrebbe valere la caduta del governo Conte. Il MoVimento 5 Stelle  si trova davanti a un altro dilemma del prigioniero all’interno della sua storia politica: cacciare le senatrici ribelli come promesso, mettendo così ufficialmente a rischio la vita del governo, o fare finta di niente come avviene regolarmente quando la realtà non è gradita ai grillini?

Leggi anche: Il condono edilizio mascherato nello sblocca-cantieri di Lega e M5S