Politica

Gli aumenti di stipendio per i sindaci dei piccoli comuni

def gualtieri conte legge di bilancio tasse manovra 2020

Il Messaggero racconta oggi che c’è un aumento in vista per i sindaci dei piccoli comuni: almeno 1500 euro netti al mese:

Il governo sta studiando una norma, che dovrebbe arrivare entro fine anno con la manovra, per far salire ad almeno 1.500 euro netti al mese lo stipendio dei primi cittadini degli enti locali minori, quelli con meno di 3mila abitanti. Amministrazioni piccole in cui non si arriva a guadagnare neanche mille euro netti al mese. «Le responsabilità di un sindaco di un piccolo comune non sono da meno di quelle di un sindaco di una grande città e le indennità sono ferme al 2000», dice il sottosegretario al ministero dell’Interno, Achille Variati, che sta lavorando al provvedimento. Per quindici anni sindaco di Vicenza, Variati conosce bene le difficoltà in cui si muovono gli amministratori locali.

«Si fa il sindaco per amore non per soldi ma l’idea è quella di dare un’indennità minima dignitosa», aggiunge il sottosegretario. «Facendo i conti con le magre risorse a disposizione». Il provvedimento, secondo i calcoli di Variati,costerebbe 4 milioni, una cifra che dunque non dovrebbe essere difficile da trovare. «C’è consenso nella maggioranza», sottolinea ancora il sottosegretario che si dice sicuro di poter trovare una soluzione per dare più soldi agli amministratori (l’indennità attualmente in un comune con meno di mille abitanti è di 1.291 euro lordi al mese).

roberto gualtieri

Certo bisognerà convincere il titolare dell’Economia, Roberto Gualtieri, che però qualche giorno fa parlando a Roma all’incontro organizzato da Poste Italiane con i rappresentanti dei piccoli enti non si è detto contrario alla richiesta di un aumento avanzata dal presidente dell’Anci, l’associazione che riunisce i comuni, Antonio Decaro.

Leggi anche: I sondaggi in Emilia Romagna e la sfida che si deciderà per pochi voti