Opinioni

Giovanna Mazzoni: Renzi querela la pensionata che lo contestò

Giovanna Mazzoni balzò agli onori delle cronache nel settembre 2017, quando interruppe il comizio di Matteo Renzi alla Festa dell’Unità di Bologna urlandogli “Voi avete rubato” e prendendosi la rispostaccia del segretario PD: “Voi avete rubato lo dice a sua sorella”. La Mazzoni, che aveva bond e azioni Carife, aveva raccontato di aver perso decine di migliaia di euro “per colpa del decreto salva banche di Renzi”.

Il Partito Democratico querelò la Mazzoni all’epoca e poi ritirò la querela per decisione di Francesco Bonifazi, come comunicò l’allora avvocato del PD Lorenzo Pellegrini. Ma, come confermato a Thomas Mackinson del Fatto Quotidiano dallo stesso Pellegrini, ora avvocato di Renzi, l’ex segretario ha deciso di includere la Mazzoni nell’ultima infornata di querele che ha annunciato nei giorni scorsi. Lei adesso si ritrova in compagnia di molti big tra cui Piero Pelù, Marco Travaglio, la giornalista Rai Costanza Miriano, lo chef Vissani, ministri e gente di spettacolo.

La signora risponde al cellulare dai tavoli del caffé Giolitti, a due passi da Montecitorio. Riprende fiato dopo l’ennesimo sit-in dei cosiddetti ‘sbancati’ davanti alla Camera dei Deputati. “Franceschiiiiini, siamo quiiiii”, urla quando passa l’ex ministro. “Lui – spiega al telefono – si è prodigato perché il Pd ritirasse la prima querela”. Perché all’epoca fu il Partito Democratico a farle causa per mano di Francesco Bonifazi, allora presidente e rappresentante legale, causa poi ritirata. Riprende a parlare. “Mi scusi sa, lei per caso ha capito se Renzi vuole dei soldi? No perché io non ho ricevuto ancora una notifica né niente, ma non è che navighi proprio nell’oro. Mica ho gli avvocati di Renzi io. Pensandoci stanotte non ci ho dormito, perché già si ventilava la storia della querela”.

Leggi anche: Rimborsi ai truffati dalle banche, il doppio binario

Mario Neri

Mario Neri è uno pseudonimo. La foto di Cattivik che usa come immagine del profilo lo rappresenta pienamente