Politica

L’Europa Verde

Annalena Baerbock

Il Sole 24 Ore riepiloga oggi in un’infografica i risultati dei partiti Verdi nei paesi europei. La vittoria alle elezioni europee di Die Grünen, che conquistando il 20,5% dei voti per la prima volta nella storia a livello federale è diventato il secondo partito in Germania prima dei socialdemocratici, è stata definita di portata epocale, come la rivoluzione giovanile del ’68, tale da poter stravolgere lo scenario politico tedesco: oggi in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera la co-presidente del partito tedesco Annalena Baerbock ha detto che il partito è stato capace di innovarsi e di sfidare sulle grandi questioni, come una volta sapeva fare la sinistra: «Non ci siamo chiusi in noi stessi. Ci misuriamo con le grandi questioni. Facciamo proposte, indichiamo una prospettiva: come tenere insieme l’Europa? Come portare la Germania fuori dalla dipendenza energetica dai combustibili fossili offrendo nuove prospettive a chi ci lavora?»

europa verde
L’Europa Verde (Il Sole 24 Ore, 9 giugno 2019)

In Germania ha votato verde il 33% tra i 18 e i 24 anni, primo partito, e il 22% tra i 25 e i 34 anni anche qui primo partito. E le prospettive?

Quel che i Verdi in Germania devono riuscire a fare ora è trasformare la vittoria delle europee, coronamento di alcune importanti conquiste regionali, in una vittoria federale tedesca. L’intenzione è quella di coniugare al meglio gli obiettivi noti del movimento ambientalista con i grandi temi economici della Germania che ha il più grande Pil in Europa, ma infrastrutture arretrate e un’economia in rallentamento.

La radiografia di chi ha votato verde alle elezioni europee in Germania consiglia al partito di muoversi su questo doppio binario: «Siamo stati il secondo partito più votato dai disoccupati, alle europee, non è vero che siamo il partito dei ricchi. E siamo stati il partito più votato dagli impiegati, la categoria degli “Angestellte”.” – sottolinea Franziska Brantner, capogruppo dei Grüne per i temi europei al Parlamento federale. Alle europee, il partito più votato dai disoccupati è stato Afd: ma i Verdi sono stati a loro volta l’unico partito ad aver preso elettori da Afd.

Leggi anche: Sara Gama: la carica dei patridioti contro la capitana della nazionale femminile di calcio