Opinioni

Davide Serra sta con Schaeuble

In un’intervista a MF oggi Davide Serra del fondo Algebris, sostenitore e finanziatore di Matteo Renzi, fa sapere che è d’accordo con Wolfgang Schaeuble e la linea dura nei confronti della Grecia:
davide serra

Domanda: Ma alla fine i greci pagano un prezzo più alto di quello rifiutato con il referendum.

Risposta. Forse sì, ma vediamola cosa con la logica sbagliata. I greci hanno ricevuto aiuti dall’Europa per 170 miliardi, che su una popolazione di 11 milioni di abitanti sono 16 mila euro a testa. Ogni famiglia media europea ha prestato 2 mila euro a ogni cittadino greco. Ora mettiamo sul tavolo altri 80 miliardi di aiuti, altri 8 mila euro a testa, per un totale di 25 mila euro. Mi sembra naturale che tutto ciò sia condizionato a un rigoroso programma di riforme e cambiamenti.
D. Lei quindi sarebbe stato d’accordo con Schauble per una Grexit a tempo?

R. Per me è corretto. Quando si dice che pagano banche e assicurazioni, significa che pagano icittadini, perché i soldi di quelle banche o assicurazioni sono loro. A me ha colpito una vicenda legata all’aeroporto di Atene. C’era un progetto di investimento da 9 miliardi, avrebbe dato lavoro a 80 mila persone. È stato bloccato per creare il più grande centro polifunzionale greco. Quale governo fa unacosa simile ? Chiaro che c’è stata molta retorica, e che si è lavorato per slogan, senza affrontare i nodi economici..
D. Eppure questo salvataggio ha spaccato l’Europa. Pare siano volate parole grosse tra Draghi e Schauble. Questo non la preoccupa?

R. Io sono dalla parte di chi pensa sia troppo facile chiedere un referendum per dire che si vogliono più soldi e poi andare in prepensionamento a 55 anni, e non fare nemmeno un riforma. I paesi nordici, così come l’Italia,hanno fatto riforme per essere competitivi. E non è giusto sentirsi dire che bisogna continuare a pagare per la Grecia perché altrimenti l’uscita dall’Europa procurerà un danno a tutti.