Sport

Cristiano Ronaldo che in conferenza scansa le bottiglie di Coca Cola e invita tutti a bere acqua | VIDEO

Non è la prima volta che l’attaccante della Juventus si schiera contro le bibite gassate.

Un gesto che dal quartier generale della Coca-Cola non sarà stato digerito. Davanti alle videocamere di tutta Europa, che erano lì a riprendere e trasmettere in tutto il mondo la conferenza stampa di Cristiano Ronaldo prima della gara del Portogallo contro l’Ungheria, si è seduto, ha scansato le due bottiglie di Coca Cola (con un’espressione quasi disgustata), le ha tolte dalle inquadrature e ha sventolato una bottiglietta d’acqua, dicendo: “Bevete questa”.

Si sa che Cristiano Ronaldo sia abbastanza rigoroso nel seguire una corretta e sana alimentazione. Più volte, anche parlando del figlio, aveva criticato chi “mangia patatine e beve Coca Cola”. A detta sua, uno dei segreti dee suoi successi sportivi e della sua capacità di mantenersi in forma, è proprio un sano e corretto stile di vita. Peccato però che: 1) La Coca Cola sia sponsor ufficiale di Euro 2020; 2) La Coca Cola sia sponsor della Juventus, a cui appartiene (ancora) il cartellino del portoghese. Tanto che, se prendiamo il secondo punto trattato, qualcuno avrebbe visto in questo gesto l’addio definitivo ai bianconeri (anche se su questo ancora non si è espresso). Ma, come detto, Ronaldo non è nuovo a questa “campagna” contro bibite gassate, zuccherate, e cibi grassi. Prendendo invece il primo punto, e ovvero che la Coca Cola paghi fior di soldi per l’organizzazione di quest’edizione dell’Europeo, beh qui gli affari si complicano. Certo è che dall’azienda di una delle bibite più bevute al mondo non l’avranno presa bene: un danno d’immagine non da poco. Ora: qualcuno avrà il coraggio di schierarsi contro Cristiano Ronaldo? Che non ne fa certo una questione ideologica (perché certi sui social hanno iniziato a dire: “che smetta anche di pubblicizzare poker online”). Semplicemente crede che queste bevande non siano adatte per gli sportivi. E per tutti gli altri.