Politica

Coronavirus: sospesi collegamenti e trasporti in Sardegna

Sospesi i collegamenti e i trasporti ordinari delle persone da e per la Sardegna. Si vola solo tra Roma Fiumicino e Cagliari, mentre sulle navi potranno viaggiare solo le merci

sardegna coronavirus

Rispondendo ad una richiesta del presidente della Regione Sardegna per l’emergenza coronavirus, la ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli, ha firmato un decreto con il quale vengono sospesi i collegamenti e i trasporti ordinari delle persone da e per la Sardegna. Si vola solo tra Roma Fiumicino e Cagliari, mentre sulle navi potranno viaggiare solo le merci. Il trasporto delle persone su traghetti e velivoli può avvenire soltanto su autorizzazione della Regione e per dimostrate e improrogabili esigenze.

air sardinia air italy saremar solinas - 8

E’ consentito quindi solo il trasporto marittimo delle merci sulle navi previste in convenzione e il trasporto marittimo delle persone può eventualmente avvenire soltanto previa autorizzazione del presidente della Regione, e per dimostrate e improrogabili esigenze. Stesso discorso per il trasporto aereo: si viaggia solo tra Roma Fiumicino e l’aeroporto di Cagliari, a patto che le ragioni dello spostamento siano dimostrate e improrogabili, e previa autorizzazione del presidente della Regione Sardegna. Le modalità autorizzative verranno rese note dalla Regione Sardegna. Salgono intanto a 50 le persone trovate positive al Coronavirus nell’isola: gli ultimi casi sono stati riscontrati a Ozieri, Nuoro e Alghero. Lo fa sapere la Regione sulla base dei dati forniti dall’Unità di crisi regionale. Nel frattempo ritorna operativo l’ospedale di Alghero, dove un uomo risultato positivo al Covid-19 era ricoverato nel reparto di Medicina generale dopo aver transitato al Pronto soccorso e in Radiologia. Tutti i reparti sono stati sanificati e riaperti.

paola de micheli virginia raggi

E l’emergenza coronavirus – con la chiusura di bar, ristoranti, agriturismo e il conseguente abbandono del rito del cappuccino e del gelato – mette un freno anche ai consumi nazionali di latte. “Stimiamo che il 10% della produzione nazionale di latte fresco già adesso fatichi a trovare collocazione sul mercato” sottolinea, in una nota, Giorgio Mercuri, Presidente Alleanza cooperative agroalimentari. “La chiusura su tutto il territorio nazionale – osserva Mercuri – di tantissime attività produttive legate al canale horeca ha provocato pochi giorni il crollo della vendita di latte fresco e di molti prodotti trasformati. In questa situazione di assoluta emergenza dovuta alla diffusione del coronavirus, le strutture cooperative temono di non essere più in grado di trasformare tutto il latte raccolto dai loro soci e stanno invitando pertanto la propria base associativa a fare ogni sforzo per ridurre la produzione di latte. La situazione negli allevamenti è ormai molto compromessa – sottolinea ancora il presidente Mercuri – e la cooperazione è impiegata, insieme a tutti gli operatori del settore, dalle organizzazioni di categoria al mondo industriale, a intraprendere ogni possibile misura pur di non arrivare al fermo dell’attività. Positivo in tal senso è stata la decisione assunta dalla ministra delle Politiche agricole Teresa Bellanova di destinare 6 milioni di euro all’acquisto di latte Uht alle persone più bisognose”.

I quantitativi di latte raccolti dalle 600 cooperative che operano in Italia – diffuse in Lombardia, Emilia Romagna, Trentino-Alto Adige, Veneto, Sardegna, Piemonte, Marche, Puglia, Campania e Calabria – superano i 7,5 milioni di tonnellate di latte, pari a più del 62% della materia prima nazionale. Alleanza cooperative contribuisce al sistema lattiero caseario del Paese con circa 7 miliardi di euro che corrisponde al 50% del fatturato complessivo del comparto.

Leggi anche: Asintomatici: i 15mila malati invisibili di Coronavirus