Fatti

Christian Eriksen giocherà ancora?

neXt quotidiano|

Christian Eriksen

Arrivano buone notizie dall’ospedale di Copenhagen. Le condizioni di salute del centrocampista danese dell’Inter sono in costante e netto miglioramento. I medici stanno lavorando per tentare di capire la causa del malore che lo ha colpito sabato pomeriggio, al 42° del match tra la sua Danimarca e la Finlandia. Sembra esclusa l’ipotesi dell’infarto, visti gli esiti degli esami strumentali che avrebbero confermato il buono stato di salute del muscolo cardiaco. Una volta arrivati alle cause sarà il tempo per dare una risposta alla domanda: “Christian Eriksen giocherà ancora?”. Presto per dirlo, ma già ci sono alcune indicazioni e pareri di esperti.

Christian Eriksen giocherà ancora? Cosa dicono gli esperti

Il primo a esporsi sul futuro da calciatore del centrocampista danese è stato Sanjay Sharma, noto e stimato cardiologo che ha seguito Christian Eriksen nel corso dei suoi anni trascorsi a Londra, giocando con la maglia del Tottenham. Questa la dichiarazione ripresa da Sportface:

“Sono molto contento. Il fatto che sia stabile e sveglio, le sue prospettive saranno molto buone. Non so se giocherà mai più a calcio. Senza mezzi termini, di fatto è come morto, anche se per pochi minuti, ma è morto e il medico gli permetterebbe di morire ancora? La risposta è no. La buona notizia è che vivrà, la cattiva notizia è che stava arrivando alla fine della sua carriera, quindi che giocherà un’altra partita di calcio a livello professionistico non lo posso dire. Nel Regno Unito non giocherebbe. Saremmo molto severi al riguardo”.

L’importante, per il momento, è che il calciatore sia in costante miglioramento dopo quanto accaduto in campo sabato scorso. Per rispondere alla domanda se “Christian Eriksen giocherà ancora?” serviranno ulteriori esami e approfondimenti medici. Nel frattempo, però, l’ipotesi infarto sembra esser stata smentita dalle prime visite a cui è stato sottoposto in ospedale. Come spiega Maurizio Crosetti su La Repubblica:

Le altre indagini, in particolare la coronarografia e l’ecocardio, hanno escluso qualunque problema meccanico. Non c’è stato infarto, il muscolo è sano anche se racchiude un potenziale, terribile nemico.

Da chiarire, dunque, cosa abbia provocato quel malore. Dopo la paura e l’angoscia, però, si può esultare per il miglioramento delle condizioni di salute di Eriksen che dice di non ricordarsi nulla. Ma ora sta meglio.

(Foto Luciano Adriani/Italyphotopress)