Opinioni

Celentano da Grillo a Salvini

In un post dal grande pathos grammaticale, Adriano Celentano ci fa sapere che ha cambiato di nuovo idea. E se prima stava con Grillo, alla vigilia delle elezioni regionali ci fa sapere che sta “pensando a Salvini”, oltre al fatto che “l’aumento dei consumi è legato a un disegno artistico che può scaturire solo attraverso il sorriso dei cittadini”:

Ciao GrillòRenzi! Mentre voi ve la battete sul tavolo dei “VOTI”, nel frattempo a Roma c’è un’ auto che sfreccia a 180 km all’ora e, con noncuranza travolge 9 passanti, trascinandosi per 50 metri una giovane donna che poi MUORE. Otto i feriti di cui quattro in modo grave. Ma voi, così concentrati nella lotta a chi arriva primo, vi dimenticate di parlare del problema “non più importante” ma VITALE che è la CERTEZZA della PENA. Perché la gente dovrebbe consumare di più se ha paura anche a uscire di casa? E chi se ne frega degli 80 Euro o del diritto di cittadinanza se poi arriva una macchina e ti travolge. Poveri illusi, la tanto invocata “crescita” di cui parlano gli economisti e l’accecata massa politica, non ci sarà mai. Nessuno ha capito che il famoso aumento dei consumi e’ strettamente legato a un disegno artistico che può scaturire solo attraverso il sorriso dei cittadini. Ma se i cittadini hanno paura e si sentono abbandonati, non sorridono. E se non sorridono, non consumano. Quindi?…
Sto cominciando a pensare a Salvini.

adriano celentano