Fact checking

La catena della lampadina su Facebook e Messenger

catena lampadina facebook messenger

La catena della lampadina su Facebook e Messenger è una simpatica iniziativa assai gentista che risale a un anno fa, ma che adesso, a causa dei misteri non tanto gloriosi dell’algoritmo di Facebook, è tornata di gran moda.

Il video che lo accompagna ha il seguente testo:

«Io vi spengo. 1 giugno 21,30. Quella sera tutti noi possiamo unirci / Non vestiremo nessun colore politico / alle 21,30 spegneremo le luci di casa per un minuto e faremo vedere che noi esistiamo. Mostreremo cosa vuol dire un mondo senza di noi / perché se per un solo minuto tutti noi ci uniamo possiamo farlo anche per decisioni più importanti / perché se in quel minuto tutti noi uniamo il nostro dissenso, per loro è la fine / Perché fare questo semplice gesto? Perché non hai nessun motivo per non farlo. Perché tutte le proteste sono divise ideologicamente / Perché la gente ha paura di manifestare in piazza / perché la gente non ha i soldi per affrontare un viaggio / perché esporsi pubblicamente comporta anche ritorsioni / perché un solo minuto? Perché questo dev’essere soltanto un segnale! / Perché noi da casa possiamo far partire molte iniziative / Possiamo far crollare gli ascolti di una tv (non è vero, non funziona così l’Auditel, ndr) / Possiamo scegliere quale prodotto comprare e non / Possiamo boicottare chi non difende più i cittadini / Manderemo questa proposta a tutti quelli che si dichiarano ribelli al sistema / e vedremo chi dirà di no a una vera manifestazione di popolo (etc etc)»

Mentre la grafica ha una V che è inequivocabile e già utilizzata per film e partiti politici.
io vi spengo
La reazione nei confronti del messaggio da parte dell’utenza facebook appare, diciamo così, compatta:
catena lampadina 1
catena lampadina 3
catena lampadina 2
E ovviamente, inutile sottolinearlo, la catena della lampadina non serve a niente.