Politica

Fase 2: il calendario per la ripartenza dal 27 aprile al 18 maggio

Fase 2: se la data centrale per i cittadini è quella del 4 maggio, altri appuntamenti sono invece segnati sul calendario del governo che scandiscono le ripartenze dopo il lockdown

fase 2 ripartenza 4 maggio 2020 13 aprile

Il calendario (ipotetico) della ripartenza per la Fase 2 dell’emergenza Coronavirus è pronto. E se la data centrale per i cittadini è quella del 4 maggio, altri appuntamenti sono invece segnati sul calendario del governo che scandiscono le ripartenze dopo il lockdown. Il governo, spiega oggi il Corriere della Sera, ha fissato il calendario per le aperture di aziende e negozi, dal 4 maggio a fine mese, ma tutto dipenderà comunque dalla curva di contagi. Se l’indice R0 o erreconzero dovesse ricominciare a salire il programma potrebbe subire un rallentamento.

fase 2 riapertura 4 maggio codici ateco
I settori che dovrebbero riaprire il 4 maggio e i codici ATECO (Il Sole 24 Ore, 24 aprile 2020)

In ogni caso a fine mese, ovvero il 27 aprile, ripartiranno alcuni settori produttive come le fabbriche di macchine industriali per l’agricoltura e la silvicoltura e forse i cantieri nautici. Anche l’edilizia è sul tavolo della ripartenza anticipata ma per ora nulla è deciso nel merito. Il 4 maggio è il giorno della ripartenza fissata per i cantieri, l’industria tessile e quella della moda. Ripartirà anche il Lotto (panem et circenses), mentre per l’11 maggio dovrebbe riattivarsi l’attività commerciale che riguarda scarpe e abbigliamento, insieme ad altre tipologie di negozi. Infine, il 18 maggio è il giorno in cui riapriranno, con molte disposizioni di sicurezza, bar, ristoranti e parrucchieri.

fase 2 calendario ripartenza 27 aprile 18 maggio
Fase 2: il calendario della ripartenza dal 27 aprile al 18 maggio (Corriere della Sera, 24 maggio 2020)

La data più importante, spiega il quotidiano, è quella del 4 maggio:

Salvo cambi di rotta il via libera per tutti i cantieri è fissato il 4 maggio, insieme alle industrie del tessile e della moda. Lo stesso giorno, come annunciato dal direttore dei Monopoli Marcello Minenna, ripartono anche Lotto e Superenalotto. Ci sarà l’allentamento dei divieti di spostamento, mantenendo comunque l’autocertificazione, e si potrà andare fuori dal Comune di residenza non solo per motivi di lavoro. Si potrà fare sport all’aperto anche lontano da casa e ci si potrà allenare, da soli oppure a due metri di distanza dagli altri.

Subito dopo c’è l’11 maggio:

Se tutto andrà come previsto, tra due settimane toccherà alla vendita al dettaglio. Abbigliamento, calzature e tutti i negozi che finora sono rimasti chiusi potranno tornare in attività, sia pur con le restrizioni dovute al distanziamento e ai dispositivi di protezione. Rimarranno invece chiusi i centri commerciali e i mercati rionali che non vendono alimenti. Secondo il Comitato tecnico-scientifico troppo alto è il rischio che la libera circolazione delle persone faccia risalire il numero dei malati.

Leggi anche: Conte ha approvato il MES? Cosa è successo davvero al Consiglio Europeo