La macchina del funky

Bianca Berlinguer si candida per il dopo Matteo?

bianca berlinguer

Bianca Berlinguer, giornalista di recente rimossa dalla direzione del Tg3, ha parlato alla Festa dell’Unità di Bologna. Wanda Marra del Fatto Quotidiano, dopo che erano usciti spifferi sulla sua volontà di bere l’amaro calice (cit.) e scendere in politica (cit.) ci riferisce cosa ha risposto la Berlinguer alla domanda diretta sul tema:

L’intervistatore, Alessandro De Angelis dell’Huffington post, prende la parola per provocarla, sondarla. “Abbiamo fatto il giro degli stand. E molti ti dicevano ‘Bianca pensaci tu’,‘Bianca, ci rimani solo tu’,‘Bianca candidati’”. Lei sorride, sembra esitare, ma in realtà la risposta è pronta: “Sono molto contenta di questi applausi, di questa sollecitazione”, dice, mentre gli inviti si sentono ripetere dal pubblico.
Ma va oltre:“Mi piacerebbe molto in futuro dare una mano alla ricostruzione di questo paese, di questa politica”. Mentre gli applausi salgono, si schermisce: “In futuro, ho detto”. E non evita di definire il calore nei suoi confronti “un riconoscimento di papà”. Sta tutta in mezzo minuto la sostanza politica di un dibattito che forse casualmente, ma di certo “simbolicamente”, si tiene subito dopo la fine del comizio di Matteo Renzi alla Festa nazionale di Catania. Non è ancora una candidatura, ma la strada pare tracciata.

Roberto Speranza
Ex giovane dalemiano lucano, ha cambiato verso piuttosto presto…

Quindi, spiega l’articolo, la Berlinguer potrebbe lanciare la sfida a Renzi:

Anche perché l’ex direttrice del Tg3 ci sta pensando, non è un mistero. Nel nome del padre,Enrico, che, come ammette anche lei, è il suo vero biglietto da visita in un mondo che non si riconosce nella politica alla Renzi. Mentre il premier domenica non è andato neanche tra gli stand, lei,come ci ha tenuto a specificare domenica, all’inizio dell’incontro, il giro delle cucine delle Feste dell’Unità l’ha sempre fatto. Già da giornalista era accolta con entusiasmo, in omaggio alla memoria dell’amatissimo segretario del Pci. Per la sua “prima volta”da intervistata l’accoglienza non è deludente.

Leggi sull’argomento: «Il PD non rispetta la nostra storia»