Opinioni

Antonio Pappalardo: l'esposto-denuncia per arrestare i parlamentari

Il dado è tratto, come dicono alla Knorr. Su Facebook ecco “la prima denuncia presentata a Palermo dal Generale Antonio Pappalardo contro i Parlamentari indegni e abusivi, i nostri militanti si stanno attivando in tutta Italia”. La rivoluzione del generale, partita un po’ in sordina, è ormai pronta ad esplodere nelle strade, nelle città, in tutti i luoghi e in tutti i laghi. Nonostante i pranzi di necessità rivoluzionaria a Palazzo Madama, il Generale nel suo Labirinto diffida la magistratura a procedere all’arresto dei parlamentari:
antonio pappalardo

Il Movimento “Liberazione Italia”, in persona del legale rappresentante ed amministratore Pro tempore, Sig. Pino Giuseppe con sede in 00186 Roma, Viale Vittorio Emanuele II n. 154 Piano 1°, dove elegge domicilio per ogni notificazione, cosi come rappresentato e difeso dallo Studio Legale Avv. Antonello Secchi del foro di Castrovillari (CS) con studio in Fano (PU), Via Roma 41/A, tel/fax 0721828546, email: avvocatosecchi@gmail.com pec: avvantonellosecchi@pec.giuffre.it
Con il presente documento inoltra formale
ATTO DI INFORMATIVA E/O DI ESPOSTO E DIFFIDA AD ADEMPIERE,
nonché procedere agli arresti dei parlamentari ai sensi del disposto della Sentenza della Corte Costituzionale n. 1/2014, Udienza Pubblica del 03/12/2013; Decisione del 04/12/2013, Deposito del 13/01/2014; Pubblicazione in G. U. 15/01/2014 n. 3

Ieri, quindi, gli esponenti del Movimento Liberazione Italia guidati dalla mano ferma ma irascibile del generalissimo se ne sono andati per le questure di tutta la penisola allo scopo di denunciare i parlamentari.

Ormai è questione di giorni. Anzi, ore. Minuti?

Leggi sull’argomento: 11 settembre: come procede la rivoluzione del generale Pappalardo