Politica

Le cinque anime della corrente renziana

Dopo i catto-renziani di Matteo Richetti, ecco a voi la sinistra renziana. Mentre il segretario del partito chiede idee, più che correnti, c’è chi giustamente pensa al day after, e soprattutto alla rielezione. E così, il Partito Democratico comincia sempre più a somigliare ai socialdemocratici degli anni Ottanta, quelli che avevano 3875 iscritti e 3876 correnti, con la nascita dei renziani di sinistra. Spiega Repubblica: «Ecco quindi i renziani partire all’offensiva da un lato moltiplicando in giro per l’Italia le Leopolde – il modello di convention-culla del renzismo – dall’altro raggruppandosi in tante “anime” o correnti che abbiano appeal giusto per attirare truppe dalle già frantumate minoranze dem. Nascono dunque i “renziani di sinistra”, cioè i “giovani turchi” di Orfini, Verducci e Orlando che, ora insieme alla vice segretaria Debora Serracchiani, sono pronti ad attrarre giovani ex bersaniani e a raccogliere gli ex ds vicini a Piero Fassino». Sono almeno cinque ormai le “anime” renziste, e se ne possono apprezzare le componenti principali in questa infografica del quotidiano diretto da Ezio Mauro:

cinque anime corrente renziana
Le cinque anime della corrente renziana (Repubblica, 1 marzo 2015)