Opinioni

Ani Montes Mier: la capomissione della Open Arms

Anabel detta Ani Montes Mier è la capomissione di Open Arms e oggi rilascia un’intervista ad Alessandra Ziniti su Repubblica per parlare della situazione della nave di Sea Eye dopo dieci giorni di stallo al largo di Lampedusa. Dopo Pia Klemp e Carola Rackete, le comandanti della Iuventa e della Sea-Watch, tocca alla trentunenne ex bagnina asturiana, un passato di studi di storia e filosofia, da quattro anni ormai a bordo delle navi di Open Arms. La giovane volontaria si è trasformata in una decisa capomissione, una vera donna di mare con i suoi capelli biondi diventati azzurri e le braccia piene di tatuaggi.

Quattro anni fa è salita a bordo per la prima volta da semplice volontaria. E non è più scesa.
«La mia vita è cambiata per sempre. Significa che non posso, né voglio tornare alla mia vecchia vita. Da quando ho conosciuto la vita reale. ho realizzato tutti i privilegi che ho avuto. È difficile decostruire il tuo mondo, a scuola non te lo insegnano, ma è la cosa migliore che mi sia capitata. Aiutare le persone in stato di necessità è quello che ogni essere umano deve fare. Preferisco invecchiare con la chiara coscienza di aver fatto la cosa giusta. Non importa cosa può accadermi se loro sono in salvo».

In Italia lei e il comandante Marc Reig siete già indagati per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e violenza privata. Sa di rischiare?
«È troppo facile provare che noi non siamo in contatto con nessun trafficante. È la ragione per cui stiamo ancora lavorando, perché non esiste alcuna prova. Una bugia più volte detta non diventa verità solo perché viene detta».

anabel montes mier

Come Carola, anche i suoi profili social sono presi di mira, con insulti e minacce.
«Ho cose più importanti da fare che leggere i commenti di persone che scrivono da un posto con una cena, una doccia calda, un letto, di cose di cui non sanno nulla. Non ho tempo da perdere, devo portare a terra questa gente. Aiutateci».

ani montes mier 1

A chi vuole rivolgersi?
«Tutti sanno quali sono i porti sicuri più vicini, Lampedusa e Malta. Ma io voglio fare un altro tipo di appello: non chiedo solo un porto sicuro dal punto di vista giuridico,ma anche dal punto di vista umano. La solidarietà non muore mai. Io non la lascerò morire».

Leggi anche: Quanto ci costa l’aumento dell’IVA senza l’annullamento delle clausole di salvaguardia

Mario Neri

Mario Neri è uno pseudonimo. La foto di Cattivik che usa come immagine del profilo lo rappresenta pienamente