Cultura e scienze

La vera storia di Alfie Evans

Ovvero come la malattia incurabile di un bambino è diventata l’ennesimo pretesto per la squallida speculazione dei politici “pro-life” nostrani. Con l’aiuto di Papa Francesco e del Bambin Gesù

alfie evans alder hey bambin gesù papa matteo salvini - 5

Alfie Evans è un bambino di quasi due anni nato nel maggio del 2016. Dal mese di dicembre 2016 Alfie Evans è ricoverato all’Alder Hey Children’s Hospital di Liverpool (un ospedale specializzato nella cura di malattie pediatriche rare) perché affetto da una – e ad oggi sconosciuta – malattia neuro-degenerativa associata ad una grave forma di epilessia. Quando Alfie è arrivato all’Alder Hey soffriva di convulsioni e di un’infezione del tratto respiratorio. Dal giorno del ricovero ad oggi le sue condizioni sono andate peggiorando in maniera drastica.

Chi è Alfie Evans e perché tutti lo vogliono salvare

A causa dell’epilessia Alfie soffre di numerose crisi convulsive, in particolare quando esposto alla luce o quando viene toccato. Il quadro clinico è complicato dal fatto che, nonostante i numerosi test (anche genetici) cui è stato sottoposto il bambino, i medici dell’ospedale non sono riusciti a determinare la natura della malattia neuro-degenerativa della quale è affetto Alfie. Dopo un anno e mezzo di cure nella Critical Care Unit i medici dell’equipe che segue Alfie hanno prospettato ai genitori la possibilità di sospendere le cure e i trattamenti che tengono in vita Alfie. Il caso è simile a quello di Charlie Gard, il bambino inglese per cui si erano mobilitati politici e difensori della vita ad ogni costo e che oggi sembra essere stato dimenticato.

alfie evans alder hey bambin gesù papa matteo salvini - 6

 

Kate James e Tom Evans, i genitori di Alfie, come è comprensibile, si sono opposti a questa decisione. Nessuno vuole arrendersi alla morte, soprattutto quando a morire è un bambino così piccolo. Come è loro diritto e come hanno fatto i genitori di Charlie Gard, hanno portato il caso in tribunale. Quando non c’è accordo tra il personale medico e i genitori su come procedere con le terapie è normale che intervenga il giudice per stabilire qual è la cosa da fare nel miglior interesse del bambino. I giudici hanno stabilito, in due distinti gradi di giudizio, che continuare con la ventilazione artificiale (Alfie non è in grado di respirare da solo) non è nel miglior interesse di Alfie e che quindi è opportuno procedere con la sospensione della respirazione artificiale.

Cosa chiedono i genitori di Alfie Evans e qual è la posizione dei medici

Nel frattempo il caso, da vicenda personale, dolorosissima è diventato un caso mediatico. Anche nel caso di Alfie hanno iniziato a circolare video e foto di Alfie che “sorride”, nessuno però ha spiegato che le analisi e l’elettroencefalogramma hanno dimostrato che i sorrisi sono in realtà dei riflessi involontari quando non addirittura il frutto delle convulsioni. Durante il processo è emerso che la risonanza magnetica ha certificato che il cervello di Alfie è “devastato” dalle convulsioni. I talami – si legge nelle conclusioni – ovvero le strutture svolgono la funzione di centro di coordinamento del cervello “sono completamente scomparsi”. Per questo motivo Alfie è cieco, sordo e refrattario ad ogni forma di stimolo. Ammesso e non concesso che sia cosciente deve essere terribile vivere in una condizione di dolore così indicibile da non poter essere comunicata o compresa. Al contrario di quello che ha scritto oggi Matteo Salvini su Facebook non è il “pensiero unico” che sta condannando a morte Alfie: è la malattia.

alfie evans alder hey bambin gesù papa matteo salvini - 1
Fonte

Nel frattempo l’ospedale non è certo rimasto con le mani in mano. L’equipe ha contattato il Great Ormond Street Hospital di Londra (quello dove fu ricoverato Charlie Gard) e su richiesta dei genitori di Alfie il bambino è stato fatto visitare da specialisti provenienti dalla Germania e da Roma. Tutti gli specialisti, fa sapere l’Alder Hey, concordano nel fatto che Alfie sia incurabile. Uno degli specialisti consultati dalla famiglia ha dichiarato che la malattia – della quale non si sa nulla e che potrebbe anche essere chiamata “Alfie’s disease” – è progressiva e quasi certamente fatale. Tre giorni fa i genitori di Alfie hanno presentato un’istanza alla Corte d’Appello sostenendo che il bambino è “trattenuto illegalmente” all’Alder Hey; l’istanza è stata rigettata.

Il Papa vuole Alfie al Bambin Gesù, ma l’ospedale ha già detto che il trasferimento potrebbe aggravare le condizioni del bambino

I genitori di Alfie sono Cattolici e il padre è volato a Roma per incontrare Papa Francesco nella speranza che il pontefice possa intercedere per portare Alfie al Bambin Gesù interferendo di fatto nelle decisioni della magistratura di uno Stato sovrano. Ed è curioso che proprio Salvini ed un eurodeputato dell’UKIP chiedano di violare la sovranità di uno Stato. Durante l’udienza è emerso chiaramente come anche gli specialisti dell’ospedale del Vaticano non diano alcuna speranza di guarigione per Alfie.

alfie evans alder hey bambin gesù papa matteo salvini - 2
L’europarlamentare (ex UKIP) Steven Woolfe sostiene la battaglia dei genitori di Alfie per portare il bambino a Roma

Secondo l’ANSA la presidente dell’Ospedale pediatrico romano, Mariella Enoc, ha incontrato il padre del piccolo. I medici dell’Ospedale della Santa Sede propongono un piano di cure che prevede un supporto per la respirazione e l’alimentazione. Quello che non dicono è che per farlo su Alfie deve essere eseguita una tracheotomia e che gli deve essere applicata la PEG. Il padre di Alfie ha dichiarato che se al Bambin Gesù non ci sarà nessuna cura per il figlio allora il bambino sarà trasferito a Monaco all’University Hospital Ludwig-Maximilians e che se anche lì le cure non avranno effetto il bambino tornerà in Inghilterra per morire a casa “quando lo vorrà”.

alfie evans alder hey bambin gesù papa matteo salvini - 3
BG è la sigla che identifica il Bambin Gesù [Fonte]
Nel verbale del processo di primo grado però è citato un report dei medici del Bambin Gesù dove viene evidenziato che durante il trasporto – che dovrà essere fatto in ambulanza, elicottero e aereo – Alfie potrebbe soffrire proprio a causa della stimolazione dovuta al viaggio di ulteriori crisi epilettiche che potrebbero danneggiare ulteriormente il cervello. Il Bambin Gesù dice che “l’intera procedura di trasporto rappresenta un rischio” per il bambino.

L’assalto della Lega pro-life alla dignità della vita di Alfie

Molti politici pro-life della Lega sono scesi in campo per “salvare” Alfie. Matteo Salvini ha scritto su Facebook che “il pensiero unico” condanna a morte Alfie e che “in Inghilterra vogliono staccare la spina a questo angioletto”. Senza spiegare che nessuno ha condannato a morte Alfie Evans.

alfie evans matteo salvini - 1

L’europarlamentare della Lega Mara Bizzotto ha presentato un’interrogazione urgente alla Commissione UE per chiedere che «le Istituzioni europee intervengano con ogni strumento presso il Governo del Regno Unito affinché vengano tutelati e riconosciuti il diritto alla vita e alla libertà di cura e di circolazione all’interno del territorio europeo di Alfie e dei suoi genitori». La Lega è sempre quel partito che da decenni lamenta delle ingerenze dell’Unione Europea negli affari interni dei paesi membri e che oggi chiede alla UE di andare contro le sentenze dei giudici britannici. Anche il il senatore leghista Simone Pillon, che crede all’esistenza delle streghe e organizza il Family Day si è unito all’appello contro quella che definisce “cultura dello scarto” e aggiunge: “Proporremo modifiche alla legge italiana e alle linee guida europee per garantire in ogni caso che nessuno sia privato dei supporti vitali”.

alfie evans alder hey bambin gesù papa matteo salvini - 4

La Conferenza episcopale dei vescovi inglesi ha definito “infondate” le critiche all’operato dei medici dell’Alder Hey: «Siamo certi che le critiche pubbliche riportate di recente sul loro lavoro sono infondate e lo sappiamo grazie alla assistenza offerta tramite la nostra cappellania allo staff e alla famiglia». I vescovi inglesi hanno anche commentato l’offerta del Bambin Gesù: «Spetta all’ospedale presentarsi alle corti britanniche, dove vengono prese decisioni cruciali in caso di conflitto di opinione, valutando le ragioni mediche per un’eccezione da fare in questo tragico caso».