Politica

Il leghista che dice che Gallera e Fontana hanno sbagliato tutto

Alessandro Cè, ex assessore leghista di Formigoni: «Fontana direi disorientato. Gallera vanaglorioso, cinico e incompetente»

alessandro cè lega

Alessandro Cè è stato assessore leghista alla Sanità nella III giunta Formigoni. Oggi in un’intervista rilasciata al Fatto Quotidiano critica Gallera e Fontana per la gestione dell’emergenza Coronavirus SARS-COV-2 e COVID-19 in Lombardia

L’utilità delle Ats per la popolazione lombarda durante il Covid?
Direi nessuna. È evidente che non abbiano funzionato perché da molti giorni prima del paziente 1 di Codogno erano presenti polmoniti atipiche e non mi risulta sia stata avviata nessuna indagine approfondita sul territorio. Tantomeno ci sia stata una “connessione virtuosa”con la Regione.

Eppure la loro funzione sarebbe di prevenzione delle malattie, programmazione e controllo dell’assistenza. Sono di fatto il potere esecutivo –con nomine politiche –del Pirellone.
È stato commesso l’imperdonabile errore di dare maggiore importanza al numero di prestazioni erogate da ospedali, case di cura e ambulatori e aver trascurato la presa in carico dei pazienti che sarebbe dovuta avvenire attraverso le Ats, i distretti sanitari e i medici di base.

alessandro cè lega

Una valutazione di Fontana e di Gallera.
Fontana direi disorientato. Gallera vanaglorioso, cinico e incompetente.

Cosa avrebbero dovuto fare?
La stessa cosa che ha fatto Zaia in Veneto: seguire indicazioni di persone competenti.

Leggi anche: Come la Lombardia rischia di restare chiusa dopo il 3 giugno