La macchina del funky

Alessandro Di Battista e gli italiani rinc…

alessandro di battista vaccini figlio

Per Alessandro Di Battista il M5S al governo è un’ipotesi: «Io non lo so, perché gli italiani li vedo molto rincoglioniti». All’Embraco, davanti ai cancelli della fabbrica di Riva di Chieri pronta a lasciare casa cinquecento operai, si sfoga: “Gli italiani? Li vedo molto, molto rincoglioniti”, sostiene in un video sulla sua pagina Fb girato mentre incontra gli operai della Embraco di Chieri: “Qui ci sono 500 persone che stanno per perdere il posto a causa della delocalizzazione”, scrive il deputato M5s. “Sono in diretta, faranno polemica, ma è la verità: gli italiani sono un popolo strano…”, aggiunge.

Racconta La Stampa:

Una visita privata, «essere qui è un dovere», dice, praticamente un blitz tra una tappa e l’altra del tour in Piemonte. Il deputato, che ha deciso di non ricandidarsi, arriva in camper, giubbetto e jeans blu, e ascolta le domande e le speranze di chi, ormai, non ha altro da fare: affidarsi alla politica. Di Battista lo sa, ma non fa promesse: «È da 5 anni che lottiamo per l’obbligo di restituire i quattrini in caso di delocalizzazione». E poi, per il Movimento, la strada che porta a Palazzo Chigi è complicata. Perché «gli italiani li vedo rincoglioniti. È un popolo strano».

alessandro di battista italiani rinco

Risate, un urlo, poi una donna dice: «Una massa di pecore». E, per chi ascolta, quasi una sensazione di déjà vu, con quella frase di Berlusconi che, ormai un decennio fa, fece così discutere: «Ho troppa stima per l’intelligenza degli italiani per credere che ci possano essere in giro tanti coglioni che votano per il proprio disinteresse». Di Battista ne è consapevole, perché i «suoi» stanno filmando: «Non so se siamo in diretta, faranno polemica…».

Leggi sull’argomento: La fantastica retromarcia di Roberta Lombardi su vaccini e libertà di scelta