La macchina del funky

Adriano Meloni: un altro assessore in bilico?

Di recente ha difeso con le unghie il bando di Piazza Navona che ha riportato alla Festa della Befana i Tredicine, ma, scrive oggi Il Messaggero, Adriano Meloni è in bilico. Secondo il quotidiano le prolungate assenze dalle riunioni della giunta (una su due, a quanto pare) lo stanno portando rapidamente fuori dalle grazie della sindaca e della maggioranza.

Andazzo notato dai colleghi pentastellati, tanto che qualcuno si è messo a fare di calcolo e il risultato di questa indagine clandestina suona più o meno così: «Adriano salta una riunione di giunta su due. Pure di più…».
Anche lui turista per caso in Campidoglio, per richiamare la stoccata del ministro Calenda alla sindaca Raggi? «Questioni personali», dice chi, nell’entourage della prima cittadina, lo difende a spada tratta. Certo è che il clima, negli ultimi due mesi, si è fatto pesante. E almeno un paio di volte Radio Campidoglio ha dato per imminente il passo indietro (o la cacciata) del responsabile dello Sviluppo economico di Roma. Sarebbe il settimo assessore a saltare in 17 mesi di governo.

tredicine meloni coia
Un’occhiata alla lista delle delibere di giunta da agosto a novembre – sono tutte pubblicate sul sito del Comune, l’ultima è del 17 di questo mese – fa constatare che effettivamente Meloni è presente 8 sedute e assente in 9. Meno di una riunione su due, appunto.

Quanto basta per far montare il malumore di qualche collega assessore e anche di diversi consiglieri comunali pentastellati. «Si può lavorare a mezzo servizio?», è il ritornello di chi vorrebbe che l’assessore si facesse da parte,e viene sottolineato un punto: Meloni ha in mano un pacchetto di deleghe non proprio da comprimario, il commercio e le attività produttive, il turismo e le politiche per il lavoro. Al solito, toccherà alla sindaca prendere una decisione. Troncare e sopire i malumori, oppure chiedere all’assessore un maggiore impegno, indicando in alternativa il portone del Campidoglio.