Fatti

Chi ha purgato i leghisti di Zero Branco?

lega zero branco purga - 5

Quella di sabato scorso una serata come tante di quelle che la Lega organizza per incontrare i militanti sul territorio. Nel tendone della sagra della Festa del Radicchio di Zero Branco (Treviso) c’erano molti dirigenti del Carroccio, l’Assessore Roberto Marcato, il Presidente della provincia di Treviso Stefano Marcon, i Consiglieri Regionali Silvia Rizzotto, Nazzareno Gerolimetto e Riccardo Barbisan e gli ex deputati Luciano Dussin e Gianpaolo Dozzo.

La pancia dell’elettorato leghista brontola, ed è subito complotto

La bella serata è stata funestata – riferisce il Gazzettino– da una non meglio precisata “intossicazione alimentare” che ha costretto una cinquantina dei partecipanti a passare il dopocena in bagno. A quanto pare però tra tutti coloro che hanno cenato alla sagra solo i leghisti hanno accusato problemi di stomaco. Insomma: mal di pancia e diarrea e pacchia finita per alcuni dei convenuti alla cena.

lega zero branco purga - 3

Ecco quindi che sotto al post della Lega Nord Zero Branco (curiosamente si chiama ancora Lega Nord e non Lega) qualcuno ipotizza che si sia trattato di un sabotaggio contro il partito di Salvini. Mentre la Pro Loco di Zero Branco smentisce seccamente che si possa essere trattato di un atto doloso i leghisti non sembrano essere poi così convinti.

lega zero branco purga - 1

«Purtroppo c’è ancora gente che si diverte a giocare sulla salute delle persone» commenta un militante evidentemente convinto che qualcuno abbia messo del lassativo nel risotto con il radicchio per colpire i leghisti. Forse la prossima volta meglio una bella nutria in umido magari cucinata secondo la ricetta dell’ex assessore della provincia di Treviso Lorenzon.

lega zero branco purga - 2

Come mai infatti, si chiede un altro, a stare male sono stati solo quelli della Lega? «Forse non eravamo graditi?». A pensar male si fa peccato ma si azzecca sempre commenta sconsolato un altro simpatizzante leghista. Poco male però i colpevoli “vanno purgati a maggio”, ovvero alle europee. Per ora nessuno nella Lega ha commentato ufficialmente la vicenda (anche perché i vari Vip convenuti si sono salvati) e il mistero dei leghisti purgati (dalle ONG? dai buonisti? da Soros?) continuerà ad agitare i sonni degli amanti del risotto con radicchio e salsiccia.