Fatti

La mamma che fa fare la pipì al figlio sulla colonna di piazza San Marco a Venezia

@neXt quotidiano|

Venezia madre pipì figlio

Sta circolando da alcune ore sui social un’immagine. Una fotografia che immortala una donna, una mamma, che accompagna il figlio piccolo dietro a una delle colonne di piazza San Marco a Venezia. E lì, nel tentativo di essere lontano da occhi indiscreti, il bimbo espleta le proprie funzioni fisiologiche – una minzione – proprio in uno dei tanti spazi d’arte e architettura (di quelli protetti dai Beni Culturali). E non potevano mancare le polemiche.

Venezia madre pipì figlio

Venezia, madre fa fare la pipì al figlio sulla colonna di piazza San Marco

A condividere questa immagine scattata qualche giorno fa a Venezia è stata un’utente su Facebook. E la foto mostra proprio quegli istanti in cui la donna accompagna il proprio figlioletto vicino a quella colonna di piazza San Marco per fare la pipì:

“Angolo sotto il campanile di piazza San Marco, procuratie nuove. Mezzogiorno oggi. Ah, il bel turismo di agosto”.

Era il mezzogiorno di mercoledì 24 agosto. E quella scena, oltre a provocare l’inevitabile sdegno sui social, aveva attirato l’attenzione anche di alcuni passanti. Tra i commenti, infatti, ce n’è anche uno di una persone che si trovava in quel posto e in quel momento che ha raccontato la reazione della donna alla sua reprimenda:

“Ho fatto presente alla ‘signora’ che c’erano bar, bagni pubblici e volendo il canale ma mi ha semplicemente guardato schifata e se ne è andata”.

E su questa immagine è intervenuto anche il sindaco della città lagunare, Luigi Brugnaro, con un commento sintetico e laconico:

“Imbecilli prepotenti che si fanno beffa della città”.

Ovviamente il riferimento è alla madre del piccolo e non al bimbo. E così, nel giro di una settimana, Venezia si ritrova al centro del comportamento dissenato di alcuni turisti. Come accaduto qualche giorno fa con i due che, a bordo di due surf motorizzati, hanno solcato le acque del Canal Grande.

(foto: da profilo Facebook Giusi Giudice)