Politica

Vendola smentisce la frase su Renzi e la mafia

“Non penso affatto e non ho mai detto che Matteo Renzi abbia confidenza con la mafia. Trovo semplicemente imbarazzante il suo silenzio alle parole di Roberto Saviano sulla presenza di Gomorra nelle liste associate al candidato Pd della Campania”. Lo afferma Nichi Vendola, presidente di Sinistra Ecologia Libertà. “Questo è un momento di contesa politica molto aspra, ma penso che non serva a nessuno – conclude – caricarla di giudizi inappropriati”. Questo il tweet che sintetizza la dichiarazione di Vendola:


VENDOLA E LA FRASE SU RENZI E LA MAFIA
La frase su Renzi e la mafia era trascritta in un’intervista al Corriere della Sera rilasciata oggi dal leader di SEL:

Lei crede davvero che Renzi abbia un progetto autoritario e sia un pericolo per la democrazia? Non esagera?
«Bisogna misurare le parole, ma smisurate sono le scelte del governo. L’autoritarismo è un vizietto di Renzi. Cosa rimproveravamo a Berlusconi? Confidenza con la mafia, attacco al mondo del lavoro, alla scuola pubblica, alla democrazia parlamentare. Vedo sinistre somiglianze con lui. E poi la scuola: si costruisce la figura del preside-gerarca e si svalorizzala funzione dell’insegnamento».

vendola renzi mafia
 
COSA AVEVA DETTO SAVIANO?
Cosa aveva scritto Saviano sull’Huffington Post riguardo PD e Gomorra?

“Nel Pd e nelle liste di De Luca c’è tutto il sistema di Gomorra, indipendentemente se ci sono o meno le volontà dei boss. Il Pd nel Sud Italia non ha avuto alcuna intenzione di interrompere una tradizione consolidata. E cioè alla politica ci si rivolge per ottenere diritti: il lavoro, un posto in ospedale… Il diritto non esiste. Il diritto si ottiene mediando: io ti do il voto, in cambio ricevo un diritto. Il politico non dà visioni, prospettive, percorsi, ma dà opportunità in cambio di consenso. E De Luca, in questo, è uno che ci sa fare”.
E tuttavia “La politica dovrebbe essere tutt’altro. Dovrebbe ottenere consenso in cambio di trasformazioni complesse e complessive della società. Invece dando il proprio voto l’elettore rinuncia a chiedere progetto e trasformazione in cambio di una e una sola cosa”. E poi le liste di De Luca “Non sono affatto liste con nomi nuovi e in nessun caso trasformano il modo di fare politica in Campania. Direi che ricalcano le solite vecchie logiche di clientele. E non c’è niente da fare. E’ sempre stato questo e questo sarà: le liste si fanno su chi è in grado di portare pacchetti di voti”.

L’hashtag #ScusatiNichi era stato lanciato su Twitter poco fa per protestare contro le parole di Vendola: