Tecnologia

TikToK: il social anti-Facebook va in Borsa?

tiktok

TikTok, il social network che fa concorrenza a Facebook, sarebbe pronto allo sbarco in Borsa. Secondo il Financial Times ByteDance, la società di Pechino che la controlla, sarebbe pronta a quotarsi alla Borsa di Hong Kong all’inizio del 2020, concretizzando una mega valutazione da 75 miliardi di dollari. Indiscrezione smentita dall’azienda, ma che darà più corpo ai timori di Washington. Perché nel frattempo Zuckerberg la accusa di censurare le proteste di Hong Kong e di farlo con riflessi sul mercato USA:

Algoritmi e controllori in carne ed ossa assicurano che nulla di pornografico, violento o politicamente sgradito venga pubblicato. E così, quando qualche settimana fa il Guardian ha scritto che su TikTok non compaiono video delle proteste anticinesi di Hong Kong, l’ipotesi che la censura cinese sia arrivata in America, terra delle libertà, è risultata credibile. Giustificando la levata di scudi di Zuckerberg e dei parlamentari. La società ha negato, spiegando che lavora a compartimenti stagni: Douyin copre il mercato cinese, TikTok quelli esteri. Altre inchieste di stampa confermano: i video di Hong Kong ci sono, non diventano virali solo perché ai teenager americani interessa di più il karaoke.

tiktok

Repubblica spiega oggi che  agli occhi di alcuni politici americani TikTok, infiltrata negli smartphone di 110 milioni di americani, è diventata una minaccia tipo Huawei:

Anche se, pure stavolta, manca la pistola fumante. Due membri del Congresso hanno chiesto alla Cia di indagare su possibili trasferimenti di dati sensibili degli utenti verso la Cina. Mentre il repubblicano Marco Rubio ha invitato il Comitato per gli investimenti esteri a rivalutare l’operazione da 900 milioni con cui nel 2017 ByteDance ha acquistato l’americana Musical.ly, entrando sul mercato Usa. Potrebbe essere annullata. TikTok le sta provando tutte per salvarsi. Ha assoldato lobbisti e sta elaborando linee guida trasparenti. Ma basterà? La Cina spinge da un lato, gli Stati Uniti dall’altro, una guerra che sta costringendo le aziende a scegliere da che parte stare. È il vero interrogativo sul futuro di ByteDance, se davvero deciderà di quotarsi.

Leggi anche: TikTok, l’app cinese, le minorenni e i dati raccolti illegalmente