Economia

Telecom-Tim, il ritorno dello scatto alla risposta

Telecom reintroduce lo scatto alla risposta che aveva eliminato nel novembre 2014: da aprile il prezzo delle chiamate a consumo verso i telefoni fissi e i cellulari nazionali dell’offerta Voce e della linea Isdn aumenterà da 10 a 20 centesimi al minuto più lo scatto alla risposta, pari a 20 centesimi. Il Corriere della Sera spiega che la decisione va a colpire chi non ha il traffico dati e giudicano insoddisfacente l’offerta flat da 29 euro al mese per il traffico voce. Magari perché si tratta di abbonamenti telefonici per seconde case, oppure perché si tratta di utenti anziani, disinteressati a internet e che vivono di pensione. Spiega oggi il Corriere:

Per loro il costo della telefonata raddoppierà da 10 a 20 centesimi al minuto. Verrà anche re-inserito il vecchio balzello dello scatto alla risposta che sarà di 20 centesimi che era stato tolto a novembre 2014. Ovviamente sono già partite le comunicazioni alla clientela. Da subito con un annuncio pubblicato sui principali quotidiani. A breve l’avvertenza — come prevede la normativa in tutela dei consumatori — verrà inserita anche in bolletta. Cartacea, per chi ha questo tipo di domiciliazione. Telematica per chi l’addebito su conto corrente e gestisce le fatture in maniera elettronica.
In filigrana si può osservare che Tim — che ha recentemente inglobato sotto questo marchio anche Telecom Italia mettendo sotto un unico cappello la clientela mobile e quella fissa — sta ripensando le proprie strategie commerciali. L’indirizzo programmatico è ciò che potremmo definire un’esortazione alla tariffazione di tipo «flat», per appartamento, omnicomprensiva. Più facile da gestire, anche in termini di costo-contatto. Meno sfuggente. Sicuramente ideale per sfruttare le potenzialità infinite della banda ultra-veloce su cui si stanno concentrando gli investimenti di Tim fino al cosiddetto «ultimo miglio».

tim telecom scatto risposta
Le offerte per il telefono fisso e la clientela Telecom (Corriere della Sera, 1 marzo 2015)