Opinioni

Perché lo spread avrà effetti sull’economia reale italiana (anche se vi dicono di no)

L’economia italiana è molto lineare, semplice, quasi banale. Se scendono i valori dei titoli di Stato (lo spread sale), soffrono i bilanci delle banche (che sono piene di quei titoli). E le banche stringono i cordoni del credito. La miriade di piccole imprese del nostro sistema produttivo soffoca.

Al ristorante non rinnovano il prestito per espandere la cucina, ed assumere un nuovo giovane. Alla microimpresa di mobili non prestano soldi per nuovi macchinari. La startup di giovani non vede un euro anche solo per cominciare ad esistere.

tommaso monacelli

La carne viva, la vera economia reale del nostro paese è questa. Credito bancario e piccola impresa (di solito scarsamente produttiva). Piccola impresa e credito bancario.

Possiamo vivere nel mondo delle favole, e andare dietro ai descamisados dai balconi. Ma poi non diciamo che è colpa dei cattivoni dell’Europa, o di quei pochi migranti che si affannano disperati nel Mediterraneo.

Leggi sull’argomento: Perché Giuseppe Marotta lascia la Juventus

Tommaso Monacelli

Tommaso Monacelli è professore ordinario di Economia all’Università Bocconi di Milano, e Fellow di IGIER Bocconi e del CEPR di Londra. Ha ottenuto il Ph.D. in Economia presso la New York University, ed è stato in precedenza assistant professor a Boston College e professore associato all’Università Bocconi. E’ associate editor di riviste scientifiche internazionali, tra cui il Journal of the European Economic Association, il Journal of Money Credit and Banking, e la European Economic Review. E’ stato adjunct professor presso la Columbia University, visiting professor presso la Central European University, e research consultant per Bce, Ocse, IMF, e Riksbank. I suoi interessi di ricerca riguardano la teoria e politica monetaria e la macroeconomia internazionale.