Fatti

Sondaggi politici oggi: il “patto della spigola” fermerà il crollo del M5S?

Secondo i sondaggi politici di Demos per Repubblica la guerra interna al Movimento 5 Stelle ha fatto molto male ai pentastellati ma anche alla popolarità dell’ex presidente del Consiglio. Ci sarà un’inversione di tendenza?

sondaggi politici oggi 16 luglio 2021

La foto di Giuseppe Conte e Beppe Grillo sorridenti in un ristorante a Marina di Bibbona che suggella la pace tra i due è stata già rinominata il patto della spigola e secondo i sondaggi politici di Demos per Repubblica la guerra interna al Movimento 5 Stelle ha fatto molto male ai pentastellati ma anche alla popolarità dell’ex presidente del Consiglio. Ci sarà un’inversione di tendenza?

Sondaggi politici oggi: il “patto della spigola” fermerà il crollo del M5S?

I sondaggi politici illustrati da Ilvo Diamanti vedono la Lega ancora primo partito con il 20,5%, tallonato però da Fratelli d’Italia che insegue a meno di mezzo punto percentuale. Mentre il Partito Democratico è fermo poco sotto quota 20, precisamente al 19,7%, colpisce il trend negativo del Movimento 5 Stelle che secondo la rilevazione di Demos passa rispetto al sondaggio effettuato a maggio perde oltre 2 punti passando dal 17,7% al 15,3. La lunga traversata nel deserto dopo l’annuncio di Conte capo politico ha pesato parecchio:

Tutti gli altri partiti sono più lontani. Compreso il M5S, alleato del PD. Ma oggi in chiara difficoltà. Sul piano interno, anzitutto. Logorato dalle polemiche fra Beppe Grillo e Giuseppe Conte. Il fondatore e l’ex Presidente del Consiglio, oggi “leader in pectore”. Le conseguenze di queste tensioni appaiono evidenti. Anzitutto, nelle stime elettorali, che vedono il M5S in grande cao. Poco sopra il 15%: 2 punti in meno, rispetto agli ultimi mesi. Ma molto più se consideriamo le elezioni politiche del 2018, rispetto alle quali appare più che “dimezzato”.

Altro indizio di come la guerra interna abbia logorato il consenso del Movimento 5 Stelle è la perdita di popolarità di Giuseppe Conte. Nella rilevazione Demos sull’indice di gradimento dei leader politici infatti Giuseppe Conte è al terzo posto dopo Mario Draghi e Luca Zaia, ma secondo Demos perde quasi dieci punti rispetto a maggio, passando dal 68% al 59. Un calo che gli è costato il secondo posto, conquistato ora dal presidente della Regione Veneto. Conte deve la sua popolarità quasi esclusivamente all’elettorato grillino, che lo sceglie per il 91%.