Politica

Sondaggi: M5S sopra il PD, destra prima

voti persi renzi grillo berlusconi

Il MoVimento 5 Stelle è sopra il Partito Democratico di più di un punto, anche se entrambi i partiti sono in calo complessivamente di mezzo punto. Il centrodestra unito è al 34% e sembra irraggiungibile anche perché la sinistra fuori dal PD arranca (Articolo 1 – MDP è al 3,7%, Sinistra Italiana al 2,2%, Campo Progressista al 2%). Questi i risultati del sondaggio Demos pubblicato oggi da Repubblica e illustrato da Ilvo Diamanti. I partiti a sinistra del PD, insieme, sfiorano l’8%. Ma, viste le tensioni politiche di questo periodo, è difficile immaginare che i loro voti siano sommabili a quelli del PS (salvo, forse, nel caso del Campo Progressista di Pisapia). Mentre i partiti della Destra risultano ben più compatibili. Insieme, FI, Lega e Fd’I sfiorano il 34%. Lo scorso marzo non raggiungevano il 30%. Il Centrodestra appare, dunque, l’area politica maggiormente in crescita.

sondaggi m5s pd
Il sondaggio Demos pubblicato da Repubblica (16 ottobre 2017)

Il risultato del sondaggio disegna quindi un’Italia tripolare, nella quale, per effetto del Rosatellum Bis che si sta per andare a votare in Senato, nessuno raggiungerebbe la maggioranza in nessuna delle due camere. Ma anche maggioranze spurie, ovvero ottenute “in vitro” dopo il voto, avrebbero vita difficile ad ottenere una maggioranza stabile e valida nei due rami del Parlamento. Questo fa prefigurare un risultato elettorale che costringerà a larghe o larghissime intese, nelle quali il Partito Democratico potrebbe, anche se arrivasse terzo alle elezioni, rientrare in gioco nella formazione di un governo che escluda il MoVimento 5 Stelle dal governo prossimo venturo. Rimane un mistero il nome del presidente del Consiglio. Così come non sono state calcolare alcune delle variabili impazzite che portarono al risultato del 2013, come la grande rimonta di Berlusconi.
rosatellum bis chi vince
La simulazione del Corriere della Sera sul Rosatellum Bis (13 ottobre 2017)

Leggi sull’argomento: Rosatellum Bis: la legge elettorale voluta dal PD rischia di far perdere (male) il PD