Sport

Atletico Madrid-Juventus, il gesto di Simeone e quello di Bonucci

atletico madrid juventus simeone

Ieri l’Atletico Madrid ha battuto per 2 a 0 la Juventus nella partita di andata degli ottavi di Champions League e ha fatto molto discutere l’esultanza scatenata dell’allenatore dell’Atletico Madrid dopo il gol dell’1-0 di Gimenez. Il gestaccio ha fatto in pochi minuti il giro del web. Fabrizio Bocca su Repubblica ha scritto che l’ex interista (da calciatore) Simeone “meriterebbe un daspo per volgarità e antisportività. È giusto che la partita di ritorno se la veda dalla tribuna”.

Sulle pagine dei quotidiani sportivi hanno avuto invece molta meno eco altri episodi. Come questo, in cui Cristiano Ronaldo fa il segno del 5 ai tifosi dell’Atletico che per tutta la partita lo hanno sfottuto fischiandolo e incitandolo a pagare le tasse: il portoghese ha voluto così ricordare agli acerrimi nemici dai tempi del Real le cinque Champions League che ha vinto (di cui due battendo in finale proprio l’Atletico).

Non risulta che invece siano arrivate lamentele o richieste di squalifica per questo curioso gesto di Bonucci, che cade a terra durante l’azione in area di rigore ma sembra stare bene, tanto che i suoi occhi accompagnano la palla in rete, ma subito dopo si porta le mani al volto come se fosse stato colpito da un cazzotto invisibile.

Nel dopopartita su Sky Sport Fabio Capello è stato molto severo con Bonucci: «Siamo abituati che come arriva una carezzina, ci buttiamo per terra. Ma questa volta l’arbitro ha detto a #Bonucci ‘alzati’”».

Leggi anche: Mauro Icardi e l’intrigo di nome Wanda (Nara)