Politica

Serenella Fucksia: la senatrice a 5 Stelle a rischio cacciata?

«Prendo le distanze dalla collega M5S Fucksia, anche fisicamente: non sarò più seduto accanto a lei in aula»: questo dice senza mezzi termini Vito Petrocelli, senatore del MoVimento 5 Stelle, a Serenella Fucksia che mercoledì sera si è “permessa” di avere ed esprimere dubbi sul voto nella giunta per le autorizzazioni a procedere riguardo l’arresto di Giovanni Bilardi del Nuovo Centro Destra. La Fucksia il mese scorso era finita un paio di volte nell’occhio del ciclone: prima dicendo che i siti della Casaleggio sono “solo per i click” e poi finendo in una polemica per le condoglianze alla famiglia di Donato Bruno, senatore di Forza Italia da poco deceduto. Ora però la situazione sembra precipitare velocemente, dopo quanto accaduto in giunta (raccontato oggi dal Corriere della Sera):

«Mentre la Pezzopane legge la relazione», racconta il socialista Buemi, «la grillina Fucksia fa ampi cenni con la faccia che lasciano intendere che è contraria all’arresto. Quando invece il senatore D’Ascola legge le ragioni della difesa, Fucksia annuisce. Si capisce da che parte sta. E lo capiscono tutti». Soprattutto il suo compagno di movimento Giarrusso. Che, prosegue la testimonianza di Buemi, «inizia a discutere animatamente con lei. Si vede lei che gli dice “questo non mi torna, questo è da chiarire”. E Giarrusso la trascina fuori». Seguirà un parapiglia, che vedrà protagonisti lo stesso Giarrusso e Augello, del Nuovo Centrodestra. E poi quel «fuori», da cui la Fucksia tornerà favorevole all’arresto e anche determinante, visto che il suo voto condanna Bilardi e fa pendere verso il «9 a 7» una bilancia che pareva tarata sull’«8 a 8». «Fucksia voleva chiarimenti e glieli abbiamo dati. Tutto qua», giura Giarrusso.

Anche perché il tutto è amplificato dalle voci su una senatrice – sul quotidiano non viene specificato che sia la Fucksia – che, con colleghi di altri partiti, si sarebbe lamentata di compagni di gruppo che le «spiano il cellulare» e la tengono «sempre sotto controllo». La stessa Fucksia invece si era espressa così in un’intervista a L’Espresso: «Io sono per guardare alla sostanza, a me non piacciono i fanatismi. Vedo esasperazione e moralismo spicciolo. E il pericolo del fanatismo e di gestire i fanatici della rete, che è una realtà decontestualizzata. Questo è l’aspetto più critico del Movimento cinque stelle». E infatti su Twitter la risposta al tweet di Petrocelli sembra unire, più o meno, il Popolo a 5 Stelle:
serenella fucksia cacciata 1 serenella fucksia cacciata 2
Anche se c’è chi si preoccupa dell’effetto mediatico della cacciata:
 
 
serenella fucksia cacciata 3