Trend

Salvini che porta a Lilli Gruber il mazzo di fiori promesso due anni fa | VIDEO

Nel maggio del 2019, in puntata, lei gli aveva fatto notare di non essere stato educato nei suoi confronti: “Perché dice sciocchezze nei comizi?”

“Sul tavolo c’è un mazzo di fiori che mi ha portato Salvini, grazie”. Dice Lilli Gruber presentando il suo ospite di oggi a Otto e Mezzo. Si tratta di Matteo Salvini: “Ci ho messo qualche mese, ma ogni promessa è debito”. Il riferimento è a quell’ultima volta in cui il leader della Lega andò in studio da Gruber, e lì promise di portarle un mazzo di fiori la volta successiva, però – come le fa notare lei- “son passati due anni, e lei lo sa: le donne non hanno tutta questa pazienza”. Lui: “Lo so, ma dopo il Covid dobbiamo essere tutti più dolci, più buoni e più sereni”. Allora Gruber: “Lei è diventato più buono, dolce e sereno?”. Risposta: “penso di esserlo stato anche prima, ma mi sono accorto che non vale la pena di perdere tempo a bisticciare e litigare, il tempo che ci ha dato il buon Dio usiamolo per costruire”. E anche in questo, come dice la conduttrice, si dimostra un “nuovo Salvini”.

Le rose rosse di Salvini per Lilli Gruber

Non è un caso che oggi gliele abbia portate. Perché l’ultima volta non si erano lasciati un granché bene. Chi ha la memoria un po’ più di ferro ricorderà di quando l’8 maggio del 2019 (l’ultima volta che l’ex ministro dell’Interno andò ospite lì), lei gli fece notare che non era stato molto educato nell’affermare alcune parole. In un comizio aveva detto infatti di non aver voglia di andare a Otto e Mezzo, e lei -sottolineando la sgradevolezza di quanto urlato- aveva commentato così: “Mi aspettavo almeno un mazzo di fiori di scuse”. Messo alle strette si era “salvato” con un (falso?) “io le voglio un sacco di bene, e ritengo che questa trasmissione sia molto equilibrata”. Lei: “Perché dice queste sciocchezze allora? Non è stato molto educato”. Lui: “Allora le manderò una piantagione di rose e di margherite”. Lei: “Aspetto sempre quel mazzo di fiori”. Aspetta e spera: ma oggi sono arrivati.